7 consigli per chi lavora in smart working

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Hai trovato un nuovo lavoro? Evviva! Purtroppo per ora ti devi accontentare dello smart working a causa del Covid. Inoltre, probabilmente è passato molto tempo dall’ultima volta che hai lavorato in gruppo. Lavorare da remoto: benvenuta ansia! Lo smart working è fortemente consigliato a causa della crisi sanitaria e, quindi, viene imposto da molte aziende. Ecco dunque 7 punti da tenere a mente per iniziare serenamente un nuovo lavoro da remoto.

7 consigli per chi lavora in smart working
 
 Sommario

Iniziare un nuovo lavoro in smart working, ecco i nostri consigli!

1) Non stressarti troppo!

  • “Come faranno i miei colleghi a fidarsi di me ?”
  • “Riuscirò a prendere dimestichezza con tutti gli strumenti che ho a disposizione?”
  • “E se mi distraggo troppo?”

Tutte domande che ci si pone in questa situazione. È assolutamente legittimo porsele, ma rimuginarci troppo non è una cosa positiva. Concentrati sul momento presente. Inoltre, chi vi ha assunto conosce benissimo le difficoltà legate al lavoro da remoto, quindi non c’è bisogno di agitarsi.

2) Organizza le tue giornate con cura

Incominciare un lavoro nuovo da remoto richiede una solida organizzazione. Per esempio, puoi organizzarti qualche giorno prima di cominciare con il batch cooking, per avere meno carico mentale. Ma la cosa più importante è lo spazio dove andrai a lavorare. Sistemare e organizzare il proprio ufficio è importante, dev'essere pronto per il tuo primo giorno di lavoro! È sicuramente meno stressante iniziare un nuovo lavoro in uno spazio ben organizzato. Infine, per una maggiore tranquillità, verifica che il tuo materiale informatico (o quello che ti è stato dato) e che la tua connessione internet funzionino bene.

3) Lasciati guidare

Di certo non potrai permetterti di fare le cose a modo tuo già dal primo giorno! Ed è normale, perché è così quando si inizia un nuovo lavoro, che sia in smart working o no! L’azienda che ti ha assunto ha stabilito un programma finalizzato alla tua integrazione, anche se il tutto viene fatto a distanza. Dunque lasciati guidare durante questa prima giornata integrativa! La maggior parte delle aziende organizza una sorta di riunione durante il primo giorno di lavoro. Insomma, si tratta di una giornata ben organizzata, e bisogna approfittarne per porre tutte le domande che riteniamo necessarie e utili.

4) Imparare a conoscere i colleghi

Il fatto di lavorare da remoto non è una buona scusa per non creare dei legami con i propri colleghi! Bisogna approfittare di tutti gli strumenti quali chat o videoconferenze per poter parlare con loro in maniera informale e imparare a conoscerli meglio. Fare domande, interessarsi gli uni degli altri...insomma, bisogna cercare di avere uno scambio. Così, quando la situazione sanitaria migliorerà, si potrebbe provare ad organizzare un'uscita tutti insieme per potersi incontrare di persona (sempre nel rispetto del distanziamento sociale).

5) Fai il punto della situazione ogni settimana

Se il tuo datore di lavoro non l’ha già messo in programma, puoi chiedere di organizzare degli incontri in cui fare il punto della situazione ogni settimana, in modo da poter dialogare e uscire dall’isolamento del lavoro da remoto. Non bisogna temere di porre domande e chiedere una mano d’aiuto se, per esempio, non riusciamo a comprendere come proseguire nel lavoro etc. Questo è anche un ottimo modo per avere un feedback sul lavoro svolto in questi primi giorni di smart working. Questi incontri settimanali permettono ugualmente di sentirsi rassicurati per quanto riguarda il proprio lavoro.

6) Prenditi delle piccole pause

Quando si inizia un nuovo lavoro, abbiamo voglia di mostrare il lato migliore di noi. Lo smart working rinforza questo bisogno poiché sentiamo la necessità di mostrare immediatamente quanto siamo devoti al nostro lavoro. Tuttavia, è importante ritagliare dei veri e propri momenti di pausa, allontanandosi dallo spazio adibito ad ufficio per poter rilassare un attimo mente e corpo. Lo stesso vale per il pranzo: bisogna evitare a tutti i costi di mangiare davanti allo schermo per paura di non rispondere subito alle mail. Più tardi, il fatto di aver approfittato a pieno della pausa pranzo ci consentirà di rimanere più concentrati, diminuendo le probabilità di distrarsi, di deconcentrarsi o di sentirsi stanchi.

La redazione ti consiglia: Come combattere lo stress in modo naturale? Ecco 3 metodi efficaci

7) Ottimizza al meglio i tempi

Lavorare a casa è completamente diverso rispetto a lavorare in ufficio. Una volta trovato il tuo ritmo, cerca di comprendere quali sono i momenti di maggiore produttività e quelli di maggiore distrazione. Lo smart working offre una grande flessibilità, cosa che permette di combinare altri parametri a quello del nuovo lavoro. Pianifica, per esempio, il tuo orario in funzione della vita familiare! Lo smart working è un nuovo modo di lavorare che presenta dei notevoli vantaggi rispetto al lavoro in presenza. Bisogna poterli comprendere e identificare rapidamente per potersi adattare nel modo migliore, soprattutto quando si tratta di un lavoro appena iniziato.


Il consiglio della redazione – Bisogna essere propositivi e comunicativi

Smart working o no, la comunicazione è sempre la chiave. Se il sentimento di isolamento ti sovrasta, se ti blocchi sul tuo lavoro non riuscendo ad andare avanti o se hai semplicemente bisogno di una mano, chiedila! Il tuo responsabile e i tuoi colleghi saranno sempre disponibili per poterti aiutare.



Fonte: Smart Working senza stress: i consigli per lavorare al meglio - QuiFinanza

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!