Perché mentiamo? Siamo tutte un po’ bugiarde!

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Parliamoci chiaro, siamo tutte un po’ bugiarde! Chi non hai mai mentito scagli la prima pietra! Ebbene sì, pare che siamo tutti e tutte incapaci di passare una giornata intera senza mentire (strano ma vero!). Ma la vera domanda è “cosa ci spinge a mentire (senza sosta)”?

 
 Sommario

Mentire, fingere, tradire sono tutti comportamenti umani. Ciò non significa che ci manipoliamo tutti a vicenda… ma la vita sociale implica talvolta delle dure verità che spesso ci spingono a mentire.

Immagina che le bugie sono talmente “umane” che fanno parte dello sviluppo del bambino. A partire dai 3 o 4 anni, il bambino comincia a dire le sue prime bugie. Vola con la fantasia, inventa storie incredibili… Poi, intorno ai 7 anni, capisce che a volte le bugie fanno meno male della verità. In parole povere, assimila il “non detto”. Capisce quindi che possiamo mascherare la verità o nascondere determinate cose agli adulti, per esempio i brutti voti a scuola.

Perché mentiamo? Perché ci aiuta!

Le bugie altruiste

Le bugie sono spesso viste come azioni negative. Eppure sono molti utili quotidianamente in tantissimi scambi sociali. Effettivamente le cosiddette bugie buone ci aiutano nella vita di tutti i giorni. Si tratta di proteggere il proprio interlocutore, non fargli del male, evitargli una brutta figura. Tutti questi sentimenti ci spingono di tanto in tanto a dire tutto il contrario di ciò che realmente pensiamo: “Sì, questi pantaloni ti stanno proprio bene”, “È tutto buonissimo” e così via. Si tratta esattamente dello stesso meccanismo che ci spinge a fingere di fronte a un regalo che non ci piace, a ridere a una battuta non divertente, a simulare un orgasmo ecc.

Se le cosiddette “bugie a fin di bene” non sono gravi, tieni a mente che a lungo termine possono facilmente trasformarsi in ipocrisia. Possono addirittura finire per deteriorare amicizie o relazioni amorose. Attente quindi a non esagerare, è sempre la dose che fa il veleno!

Questo articolo potrebbe piacerti: Segreti di famiglia: svelarli o custodirli per sempre

Le bugie egoiste

A differenza delle bugie altruiste (o a fin di bene), le bugie egoiste permettono, come si può intuire dal nome, di essere utilizzate a fini personali. Si tratta di proteggersi (per esempio nascondere un errore) o di ottenere qualcosa dagli altri. La bugia egoista non è necessariamente grave. Potrebbe essere anche un semplice reggiseno imbottito, un improvviso mal di testa per evitare una cena e così via. Comunque, in certi contesti, potrebbero esserci delle conseguenze gravi. A volte potrebbe essere anche perseguibile penalmente, come mentire in un contratto, su un CV etc. Senza arrivare a dei casi così estremi, potrebbero esserci degli effetti sulla salute quando nascondi la verità al tuo medico, per vergogna o pudore.

In entrambi i casi, se non riesci a smettere di mentire o se senti che le bugie cominciano a essere troppe nella tua vita, non esitare a parlarne a chi ti sta vicino o a uno psicologo. Non è poi così grave… spesso è solo frutto di una bassa autostima!

Dalle bugie sociali a quelle patologiche: la mitomania

La bugia come abbiamo detto è umana e anche normale se a piccole dosi. Tuttavia, ci sono persone che mentono in maniera frequente e sistematica. Questi veterani delle bugie a volte soffrono di un disturbo psichiatrico noto come mitomania. Il mitomane è un individuo che inventa, che mente senza sosta. Inconsciamente sono persone che cercano di evitare la realtà ma che non vogliono commettere errori. Questa patologia rara è spesso associata ad altri disturbi della personalità (schizofrenia, paranoia ecc).


Il consiglio della redazione – la bugia indispensabile?

Che si tratti di vita sociale o vita di coppia, le bugie sono necessarie. È un riflesso, qualcosa di istintivo, ma anche un modo di comunicare. Al posto di dire tutto quello che ci passa per la testa, senza censura e senza la minima preoccupazione di quello che possano pensare gli altri, cerchiamo di modulare il nostro discorso sul nostro interlocutore e di conseguenza mentiamo, a scapito di relazioni più autentiche…

In amore la verità non è mai semplice da dire… e tu cosa ne pensi? Un piccolo tradimento va confessato o no?


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



*Fonte: https://it.in-mind.org/ 

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!