I genitori dovrebbero essere incoraggiati a rivolgersi a uno psicologo? Ottima domanda...

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Un argomento importante, vero? Mi sono posto questa domanda l'altro giorno, dopo aver cercato di parlare con mio padre della sofferenza che ho vissuto da bambino. Mi ha risposto “sì, ma per me è stato peggio con i miei genitori”. Alla faccia del dialogo, eh? Vorrei che si rendesse conto che è importante per lui riparare le proprie ferite, come sto cercando di fare io... Quindi, dovresti incoraggiare i tuoi genitori ad andare da uno psicologo oppure no? Ecco alcune risposte.

I genitori dovrebbero essere incoraggiati a rivolgersi a uno psicologo? Ottima domanda...

Una visione diversa della psicologia

Ho l'impressione che la mia generazione e quella successiva (i millennial e la gen Z), non si vergognino di consultare uno psicologo. Almeno, lo facciamo perché abbiamo sofferenze che vogliamo eliminare per vivere meglio e sappiamo che il supporto terapeutico è la soluzione. Non lo vediamo come qualcosa di tabù o mal visto, a differenza della generazione dei nostri genitori (e peggio ancora, dei nostri nonni 😅).

Credo che abbiamo messo il dito su qualcosa che dice molto su perché i nostri genitori non consultano spontaneamente. Le generazioni precedenti vedono ancora la terapia come qualcosa riservato ai "pazzi" e quindi come un segno di debolezza o squilibrio mentale.

È una mancanza di conoscenza che provoca psicofobia, ma come dice bene lo psicologo Christophe André, consultare significa essere obiettivi rispetto alla propria sofferenza.

Un'introspezione del dolore

“Prima era così e bisognava farci i conti!”

Quante volte ho sentito questa frase dalla bocca dei miei genitori o addirittura da mia nonna 🙄? Sono consapevole che in passato ci fossero difficoltà forse più urgenti rispetto alla salute mentale. Almeno, non si dava tanto peso quanto lo diamo oggi, e c'era una mancanza di conoscenza, come ho detto.

Ma oggi siamo nel 2024 e la salute mentale è un vero argomento. È necessario affrontare le difficoltà per non introiettare il dolore. Chi non ha mai visto un membro della propria famiglia pensare sempre al peggio, senza riuscire a risolvere i problemi da solo? Io ne ho visti diversi. Tutto ciò ha conseguenze dannose che impattano, a diversi livelli, sulla loro felicità o sui loro figli 😓...

Il rifiuto di ascoltare quello che abbiamo da dire

Se siamo una generazione che non vuole ripetere gli errori dei propri genitori, i nostri sicuramente non hanno avuto abbastanza distacco sui comportamenti tossici che hanno ricevuto e che i loro stessi genitori avevano con loro. Certo, il mondo non era lo stesso, i nostri genitori non sapevano tanto sull'educazione dei bambini quando siamo nati.

Ogni anno, ci sono una miriade di studi pubblicati che mettono in luce le conseguenze problematiche di certi tipi di educazione, come questo:

📌

Uno studio pubblicato nel 2016 sulla rivista "Child Psychiatry & Human Development" ha evidenziato gli effetti a lungo termine della genitorialità controllante sulla salute mentale dei bambini. I ricercatori hanno scoperto che chi è cresciuto con genitori eccessivamente controllanti (comportamenti intrusivi, invalidanti o manipolatori) mostrava un rischio maggiore di depressione, ansia, bassa autostima e difficoltà nel prendere decisioni autonome da adulti...

Ecco un bel esempio di ciò di cui non eravamo consapevoli all'epoca. Non sto dicendo che bisogna essere genitori perfetti, ma è normale scontrarsi con un muro quando si tenta di dialogare con i nostri genitori sulle nostre ferite d'infanzia o sui comportamenti che hanno avuto? No, non credo 😕.

Incitare i propri genitori a vedere uno psicologo, come fare?

È proprio questo il problema che voglio sottolineare: il rifiuto di mettersi in discussione! È problematico, sia per loro che per noi. Come figli “adulti”, cerchiamo aiuto per uscire da un modello familiare tossico. Loro, i genitori, dovrebbero fare lo stesso per uscire dal modello di genitorialità tossica a cui sono stati sottoposti. Il risultato sarebbe quello di ripristinare il dialogo e liberarsi della sofferenza interiorizzata 😔...

Quindi cosa fare 😩 ? Ti spiego come ho fatto io e cosa consigliano in genere i terapeuti.

👉 Dare l'esempio

Il modo migliore per incoraggiare i nostri genitori a iniziare una terapia è condividere la nostra esperienza. Per quanto mi riguarda, ho deciso di parlarne fin dall'inizio, compresa l'assunzione di antidepressivi. Ho sottolineato quanto mi sentissi meglio e, come dice lo psicoterapeuta Yves Alexandre Thalmann, condividere l'esperienza positiva della terapia è il modo migliore per sdrammatizzare!

👉 Parlare con gentilezza

Una cosa che mi sono detta fin dall'inizio è che non dovevo assumere la prospettiva del “sono in terapia per colpa tua”. La psicologa Natahlie Giraud ci consiglia di non incolpare o criticare i nostri genitori, perché questo potrebbe farli arrabbiare. È normale che reagiscano così se adottiamo questo comportamento 🤕. Da parte mia, spiego come si svolgono le sessioni e mostro i miei progressi!

👉 Proporre una sessione insieme

Ovviamente, prima di iniziare, il nostro terapeuta deve essere d'accordo ed essere a suo agio con la terapia familiare. Tuttavia, se questo è il caso, è possibile proporre di fare una seduta insieme per mostrargli come funziona. Una prima seduta può svelare cose sepolte e può avere effetti molto più positivi di quanto si pensi!

👉 Rispetta i loro ritmi e le loro scelte

Come dice Nathalie Giraud, non si può costringere qualcuno ad andare in terapia, è un processo personale che deve nascere da una motivazione intrinseca. Quindi dobbiamo rispettare il ritmo dei nostri genitori. Abbiamo piantato un seme facendo tutto il possibile, quindi dobbiamo incoraggiare, non forzare.

Il consiglio della redazione: allontanati se la comunicazione è difficle

Se i tuoi genitori continuano a essere chiusi e questo ti sta causando molta sofferenza, allora potrebbe essere necessario allontanarsi per proteggersi. Naturalmente tutto questo deve essere analizzato in una terapia individuale, ma non si possono salvare persone che non vogliono essere salvate. Devi iniziare da te stesso e se questo significa rompere il legame, allora è possibile che sia qualcosa che devi fare...

🤗 Conoscersi, accettarsi, essere felice... Qui ed ora!
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!