Vorrei che i miei genitori fossero fieri di me, perché ho così tanto bisogno della loro approvazione?

Aggiornato il da Amelia Lombardi

Ho più di 30 anni ma provo sempre la stessa felicità nell’annunciare un mio successo a mio padre. So che mi rende felice farlo, soprattutto da quando la mamma ci ha lasciati. Però, allo stesso tempo, mi chiedo sempre: perché ho bisogno di sapere che mio padre è fiero di me? Perché, in generale, abbiamo bisogno dell’approvazione dei nostri genitori? Renderli felici è una cosa, ma è bene farsi delle domande se la loro approvazione occupa un posto troppo importante nella nostra vita.

Vorrei che i miei genitori fossero fieri di me, perché ho così tanto bisogno della loro approvazione?

Perché abbiamo bisogno di riconoscenza

I genitori ci hanno dato la vita, cresciuto e permesso di avere la vita che viviamo oggi. È un legame molto forte e facciamo fatica a uscire dal ruolo di “figli” quando siamo in loro compagnia. A 30, 40 o anche 50 anni è sempre la stessa storia! Anche se sappiamo di essere adulti, non riusciamo ad imporci come tali a causa del bisogno di riconoscenza.

Tutto ha inizio durante l’infanzia con il bisogno d’amore 🥰. L’approvazione dei nostri genitori in quel periodo era un indice di questo amore. Se ci si sente sostenuti e incoraggiati, solitamente si riesce a disfarsi del sentimento di approvazione. Ma se c’è stato anche un minuscolo problema, potremmo aver sviluppato una ferita emotiva. Quest’ultima influisce nella relazione con i nostri genitori poiché molto spesso, indica degli schemi irrisolti 🤕.

Perché ci piace tornare bambini

La ricerca dell’approvazione dei nostri genitori è una forma di regressione. Che bello quando non avevo responsabilità sulle spalle e decisioni da prendere 😫! Solitamente resta anche in età adulta la tendenza a chiedere il parere dei genitori per aiutarci e alleggerirci in qualche modo dal peso della decisione. La psicanalista Isabel Korolitski spiega che si tratta di un comportamento tipicamente infantile. Effettivamente, i bambini hanno bisogno degli adulti come punto di riferimento perché scontrarsi improvvisamente con la realtà è angosciante 🤧.

Peccato però che questa dinamica porti spesso a un problema di infantilizzazione 😅. È un po’ come dire ai nostri genitori che non siamo abbastanza responsabili per prendere delle decisioni da soli. Di conseguenza, non esiteranno a dirci come comportarci, anche a 35 anni... Come spiega lo psicoterapeuta Gonzague Masquelier, “quando delego ai miei genitori il potere di dire se le mie scelte (di vita, amorose, professionali) sono giuste, mi metto in una situazione di fragilità che chiude la porta alla mia libertà”.

Perché vogliamo mostrare il nostro affetto

Da adulti, il rapporto con i genitori non è sempre calma piatta. Soprattutto perché è difficile uscire dalla relazione genitori-figli, ragione per la quale facciamo fatica a comunicare con i nostri genitori. In ogni caso, vogliamo conservare questo legame e mostrare che hanno sempre un ruolo importante nelle nostre vite. È un mix di regressione, di riconoscenza, di paura di deludere, ma anche d’amore. Vogliamo mostrare che ci hanno educato bene e, in un certo senso, far passare il messaggio: “potete essere fieri di quello che avete compiuto ❤️”.

📌

Nel mio caso, so che è anche il bisogno di rassicurare mio padre e fargli capire che sto bene, che la mia vita procede secondo i miei piani. Dopo il dramma che abbiamo vissuto, la perdita di mia madre, voglio condividere con lui soprattutto cose positive. E sentire dal tono della sua voce che è contento per me mi fa stare bene. Diciamo che in un certo senso cerco di riparare il trauma della morte, ma ne sono cosciente, quindi cerco di non cadere nell’ossessione di cercare di avere unicamente la sua approvazione

Perché non abbiamo fiducia in noi

Il bisogno di approvazione, soprattutto se molto marcato, potrebbe essere il segno della mancanza di fiducia in sé stessi, come spiega lo psicologo clinico Catherine Marchi. I genitori sono a volte una figura di autorità di fronte alla quale è difficile affermarsi. Si tende quindi a pensare che se gli si tiene testa, è come se fosse una mancanza di rispetto. In ogni caso, i genitori perfetti non esistono e abbiamo diritto di credere nelle nostre scelte.

È importante dissacrare la figura genitoriale e concentrarsi su di sé 💪. La mancanza di fiducia in sé stessi nasconde spesso una ferita da rifiuto. Ancora una volta, altro non è che la conseguenza della relazione con i nostri genitori durante l’infanzia. Per esempio, se i genitori volevano un maschio e hanno avuto una femmina, potrebbe crearsi una forma di rifiuto interiorizzato. Avremo continuamente questa falla dentro di noi e poca autostima a causa di questo passato familiare 😔.

Perché abbiamo genitori esigenti

I nostri genitori ci hanno amati, educati, nutriti, consolati, curati e viziati per anni. Il minimo che possiamo fare è laurearci per fare un lavoro che hanno scelto per noi, guadagnare tanto e sposare Ryan Gosling per dar loro tanti bei nipotini... O anche no!

Ci sono genitori estremamente esigenti e che trasmettono i loro rimpianti o i loro sogni sui loro figli 🤯. Quando capita, è molto pesante da sopportare, soprattutto se non abbiamo mai osato regolare i conti con loro e chiniamo sempre il capo di fronte alle loro richieste. Ancora peggio quando i genitori hanno condizionato il nostro successo con delle ricompense, come i regali. Avremo sempre voglia di riuscire negli obiettivi che loro hanno imposto come per onorare una sorta di promessa implicita 😥.

Anne Bacus, psicologa specialista delle terapie familiari, dice che ci sono varie conseguenze nel caso in cui si abbiano genitori troppo esigenti. Possiamo finire per implodere quando ci rendiamo conto che tutti gli aspetti della nostra vita sono decisioni dei nostri genitori 😠. Questo implica una rottura familiare e tensioni che saranno difficili da gestire. Oppure, possiamo anche decidere di utilizzare la frustrazione tramite una passione che prende molto spazio. Per esempio, se hai studiato legge per fare felici i tuoi genitori ma tutte le sere ti diverti giocando ai videogiochi 🎮. È una sorta di sfogo che permette di mantenere una buona relazione con i genitori.

Il consiglio della redazione: impara a staccarti dai genitori

Vedere i nostri genitori fieri di noi è gratificante. Essere sempre in cerca della loro approvazione significa essere in una relazione dipendente che nasconde una ferita. Questo potrebbe provocare molta sofferenza e una relazione familiare complicata. Ecco perché è importante imparare a staccarsi dai genitori, o almeno dalla loro approvazione. Potrebbe volerci tempo e farlo da soli è complicato. Non esitare a rivolgerti a un professionista.

🤗 Conoscersi, accettarsi, essere felice...Qui ed ora!
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo


Fonti : https://www.psicologaramponi.it/anagraficamente-adulti-ma-emotivamente-dipendenti-dai-genitori/ 

Articolo suggerito da Amelia Lombardi

La scrittura è un mezzo di espressione meraviglioso di cui non posso fare a meno. Mi ha permesso di incanalare la mia ipersensibilità e amo scrivere di psicologia e sviluppo personale. La comprensione di sé è il modo migliore per andare avanti!

Gli articoli appena pubblicati

Dipendenza affettiva

Sicuramente hai già sentito parlare della dipendenza affettiva. Pensi di esserne affetta o che un tuo caro lo sia? Come distinguere l’amore e la dipendenza affettiva? Come uscirne? Scopriamolo insieme!

Come annunciare l’arrivo di un secondo figlio al primogenito?

L’avventura ricomincia! Ci siamo, avete deciso di ingrandire la famiglia, che bello! Non hai neanche il tempo di metabolizzare la notizia che subito insorgono diverse emozioni come la felicità, l’eccitazione, l’apprensione, il senso di colpa. Come reagirà il primogenito? È una domanda da porsi, perché spesso un semplice “arriverà un fratellino o una sorellina” non basta. Non è così facile, ma una cosa è certa: l’amore si moltiplica! Ora devi solo rendere chiaro il messaggio!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Perché ho costantemente bisogno di attenzioni?

Anche tu hai la spiacevole tendenza a fare di tutto un dramma affinché gli altri si prendano cura di te? Non smetti mai di pretendere la loro attenzione, a qualunque costo? Se la risposta è si, fai sicuramente parte di quelle persone che vivono per attirare l’attenzione degli altri. A lavoro, tra amici o sui social, devi sempre essere il centro dell’universo. E nonostante questo comportamento eccessivo spesso e volentieri non ti faccia star bene, è più forte di te! Ma da cosa deriva? Come porvi rimedio prima che sia troppo tardi?

Essere proattivi: cosa vuol dire? Come diventarlo?

A volte mi sembra di essere totalmente proattivo, altre volte molto meno. So che è un comportamento che può apportarmi molto, soprattutto in ambito professionale. Ma cosa significa esattamente essere proattivi? Perché è un bene esserlo dal punto di vista professionale? Scopriamolo insieme!

Sono una persona tossica? 10 modi per scoprirlo

In amore, in amicizia, sul lavoro, in famiglia… Credo che tutte prima o poi abbiamo avuto a che fare con una persona tossica. Ma a volte dovremmo porci a nostra volta la domanda: “sono una persona tossica?” o lo sono stata in qualche occasione con qualcuno? A volte capita di non rendersi conto del proprio comportamento! Ecco perché è importante fare un passo indietro in certe situazioni e farsi delle domande in modo tale da auto esaminarsi ed essere sempre la migliore versione di noi stessi. Solo per te un piccolo test per sapere se sei una persona tossica o no!

Positivià tossica: mi impongo di stare bene... e non va bene!

L’ottimismo è una bella cosa. “Andrà tutto bene”, “sii forte”, “tutto tornerà alla normalità”. Te lo sei detto e ridetto e te lo hanno ripetuto anche gli altri, ma se da un lato questa attitudine positiva è una cosa buona, dall’altro alle volte può diventare tossica. Quando ci impediamo ad ogni costo di stare male, la mente rischia di soffrirne profondamente.

Mi sento spesso aggredita dagli altri, come reagire?

Non ho mai avuto tantissime amicizie, né sono stata mai molto socievole. Preferisco stare per conto mio, divertirmi a modo mio. Ovviamente ho un gruppo di persone che adoro, ma mi viene difficile fare nuove conoscenze. Il punto è che spesso mi sento aggredita dagli altri! Perché mi sento così? Come reagire quando ci si sente sempre attaccati? Andiamo per gradi.

Ho dei dubbi sulla mia relazione, è normale? Come reagire?

Succede spesso. La vita di coppia e l'amore non sono mai una passeggiata: succede, naturalmente, che alle volte sorgano dei dubbi. Non essere più sulla stessa lunghezza d'onda, avere l'impressione che l'erba sia più verde altrove, avere progetti diversi...Travolto dal peso dei dubbi, l'amore perde il suo splendore. È una situazione irrimediabile? No, l'importante è sapere come reagire.

La mia relazione non mi rende felice, come fare?

La magia dell’inizio di una relazione e le farfalle nello stomaco sono volate via. Stare insieme significa avere un partner per la vita, qualcuno che ti sta accanto, ma alle volte ci si sente infelici e incomprese. Quando la tua metà ti fa più piangere che ridere, è assolutamente legittimo mettere in dubbio la relazione stessa. Ma prima di lasciar perdere del tutto, sappi che esistono delle soluzioni. Non sono felice nella mia relazione, come fare? Vediamolo insieme.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!