Piramide di Maslow: bisogna realizzare tutti i nostri bisogni per realizzarci?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

“Ho bisogno di questo”. Effettivamente, tutti noi abbiamo dei bisogni. Alcuni vitali, come mangiare o dormire, altri no. Vogliamo un tetto sopra la testa, desideriamo essere circondati dalle persone che amiamo, avere fiducia in noi stessi, realizzare i nostri progetti… Tutti questi bisogni sono raggruppati nella piramide di Abraham Maslow. Molto usata i vari contesti, questa piramide può insegnarci tante cose. Ma dobbiamo davvero soddisfare tutti i nostri bisogni per sentirci realizzati?

Piramide di Maslow: bisogna realizzare tutti i nostri bisogni per realizzarci?

La piramide dei bisogni secondo Maslow

Siamo nel 1943 quando la celebre rivista americana “Psychological Review” pubblica una teoria a forma di piramide. E non una teoria qualsiasi, quella dello psicologo Abraham Maslow! Oggi conosciuta in tutto il mondo, la piramide permette d'identificare i nostri 5 bisogni fondamentali: fisiologici, di sicurezza, di appartenenza, di stima e di autorealizzazione.

Piramide di Maslow

La piramide dei bisogni di Maslow. Bisogni di realizzazione, bisogni di stima, bisogni di appartenenza, bisogni di sicurezza, bisogni fisiologici.

I diversi tipi di bisogni

A cosa corrispondono questi bisogni? Per comprendere a fondo la gerarchia della piramide, è necessario scoprire l’ordine con il quale questi vengono classificati. Alla base della piramide troveremo dunque i bisogni vitali e in alto quelli “secondari”.

🍔 Bisogni fisiologici

Cominciamo dalla base della piramide con i bisogni vitali. Si tratta di bisogni di tipo fisico come fame, sete, respirazione, sonno, sessualità ecc. Se non vengono soddisfatti hanno addirittura la meglio sulla nostra coscienza e la nostra vita potrebbe essere in pericolo (ad esempio: non mangiare).

🏠 Bisogni di sicurezza

Parliamo di sicurezza fisica ma anche psicologica. Sentiamo il bisogno di proteggerci dai diversi pericoli che ci minacciano e cerchiamo un riparo (ad esempio una casa). Desideriamo uno stipendio fisso ma anche inserirci in un ambiente sociale, familiare e professionale stabile. La paura è un bisogno di sicurezza non soddisfatto, motivo per il quale per allontanarla è molto importante consolidare questo livello di bisogni.

👨‍👩‍👧 Bisogni di appartenenza

Sentiamo tutti il bisogno di sentirci amati dai nostri cari e accettati da una comunità all’interno della quale ci identifichiamo. Il bisogno di appartenenza corrisponde alla dimensione sociale di una persona che ha bisogno di appartenere a un gruppo.

❤️ Bisogni di stima

Amarsi è il punto di partenza per l’accettazione di sé. Tutto è legato al desiderio di successo, di esperienza e competenza, di fiducia in se stessi, di autostima d'indipendenza e così via.

💪 Bisogni di autorealizzazione

Per essere davvero felice bisogna realizzarsi a 360° gradi e cercare se stessi imparando sempre nuove cose, sviluppando valori, essendo creativi ecc. Il bisogno di autorealizzazione è la vetta delle nostre aspirazioni umane, dobbiamo uscire da una condizione prettamente materiale per essere felici!

L’utilità della piramide di Maslow

Ora che sappiamo come sono classificati i bisogni secondo la piramide di Maslow è legittimo domandarsene l’utilità. Utilizzata in diversi contesti tra cui il marketing, la piramide permette di sapere come posizionare un prodotto. Per esempio, la pubblicità di alimenti risponde a un bisogno fisiologico mentre una su un’auto sportiva risponde a un bisogno di autorealizzazione. Nel mondo del lavoro, la piramide è spesso utilizzata nel management per capire i bisogni dei dipendenti e soddisfarli.

Capire se i nostri bisogni sono soddisfatti

Eccola qui però l’utilità massima della piramide di Maslow. Ci aiuta a capire se i nostri bisogni sono soddisfatti o meno. Sono all’origine del nostro benessere e soprattutto del nostro malessere. La piramide ci aiuta a capire cosa ci manca. A livello di relazioni personali in particolare, ci dà una nuova visione rispetto a certi problemi irrisolti.

😱 Ci fa anche capire perché abbiamo determinate paure come la paura dell’abbandono.

I limiti della teoria dei bisogni

Comunque, così come la teoria del cervello tripartito, la piramide dei bisogni di Maslow è molto criticata. In particolare il fatto che si debba sistematicamente soddisfare un livello di bisogni per sbloccarne un altro. La nozione di motivazione è più complessa della mera soddisfazione di un bisogno: la ricerca della soddisfazione, la sensazione di giustizia, la legittimità a fare qualcosa ecc.

La convalida dei bisogni

Secondo la teoria, non potremmo quindi cominciare una relazione amorosa senza avere da mangiare o senza un tetto sulla testa. In realtà, non funziona proprio così, altrimenti vorrebbe dire che i senzatetto non potrebbero innamorarsi! Il bisogno di procreare è anch’esso oggetto di discussione. Si trova nel primo livello ovvero quello dei bisogni fisiologici.

🍆 Certo, riprodursi è utile alla sopravvivenza della specie, ma non lo è per ogni singolo individuo visto che esistono delle persone asessuate (che non provano piacere ad avere una sessualità). E con essa tante altre incoerenze indicano i limiti della teoria…

La trasversalità necessaria

I progressi scientifici in materia di neurologia e psicologia sociale e clinica mostrano che la convalida dei bisogni in un determinato ordine non ha senso. In particolare per i bisogni di appartenenza e riconoscimento, che si situano a tutti i livelli della piramide.

⚖️ Piuttosto che raggiungere o superare un livello di bisogni bisognerebbe equilibrare ogni bisogno. Dobbiamo poter soddisfare i nostri bisogni vitali e allo stesso tempo realizzarci, ecco perché parliamo di necessità trasversali.


La piramide di Maslow ci può aiutare a decifrare certe mancanze rispetto a determinati bisogni non soddisfatti. È uno strumento molto potente, utile in diversi campi, ma non è la risposta a tutto. Non è l’unica soluzione per raggiungere la felicità e realizzarsi.

Il consiglio della redazione: un bisogno non soddisfatto?

La piramide di Maslow è uno strumento prezioso nonostante i suoi limiti, come hai potuto notare. Hai l’impressione che un tuo bisogno non sia soddisfatto? Che ti manca qualcosa per essere felice? Non esitare a contattare un coach, saprà mostrarti le risorse che hai a disposizione e i comportamenti da mettere in pratica per raggiungere la felicità.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo


Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Come si vive con una persona ipersensibile? Ecco i nostri consigli!

Piangere davanti a una pubblicità? Fatto ✅. Essere disturbati da qualsiasi rumore? Certo ✅. Non sei in grado di gestire le tue emozioni negative? Certo ✅. Tutte le persone ipersensibili lo sperimentano quotidianamente. Almeno, io lo faccio. Esatto, faccio parte della squadra delle emozioni! Non è abbastanza facile per me, quindi quando sono in una relazione so che il mio partner è perso. Per questo ho scritto una piccola guida per aiutare le persone che vivono quotidianamente con una persona ipersensibile.

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Come punire in modo efficace i propri figli? Ecco alcuni consigli

Sono sempre tanto carini...quando dormono! Non c’è niente da fare, nemmeno le punizioni funzionano e tuo figlio continua a fare una marea di danni! La conseguenza? Non ti senti rispettata, alle volte quasi inutile. Tuttavia, c’è una buona notizia, ovvero che esistono delle soluzioni per ritrovare il tuo potere. Come punire un figlio in modo efficace? Vediamolo!

Perché mi sento sempre in colpa?

Il senso di colpa ti divora anche se non hai fatto niente di male? Perché finisci sempre per darti la colpa di tutto? Quali sono i motivi? C’è un modo per smettere e imparare a stare meglio. Ecco i nostri consigli!

Sindrome di Asperger: definizione, diagnosi e cura

Difficoltà a comunicare, la chiusura in una passione, rumori troppo aggressivi… Ti riconosci o pensi a qualcuno leggendo questa breve descrizione? Si tratta dei tratti caratteristici delle persone affette dalla sindrome di Asperger, una leggera forma di autismo. È importante capire a fondo questa sindrome per farsi accompagnare o accompagnare al meglio coloro che ne soffrono. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Cosa significa avere un carattere forte per una donna?

A quanto pare ho un carattere troppo forte. O almeno è quello che dicono le persone che si sentono aggredite quando do il mio parere o esprimo il mio scontento. Si direbbe quasi che preferiscano che finga pur di dar loro ragione…. Eppure, avere un carattere forte non è necessariamente qualcosa di negativo! Anzi, è positivo per la mia salute e per quella di chi ci circonda. Sì, ho un bel caratterino, e quindi?

Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

Da bambino, tutto è un pretesto per versare una lacrimuccia. Gestire le emozioni è una cosa da adulti, soprattutto da genitori. O perlomeno, ci provano. Eppure, ho visto i miei piangere e non li biasimo affatto. Oltre a queste immagini strazianti, la loro «mancanza di pudore» mi è servita tanto nella vita. Grazie mamma, grazie papà: non sono un robot senza cuore! Per far sì che tutti i genitori smettano di farsi dei complessi e di sforzarsi per evitare di piangere, dirò la mia sulla questione. Non in qualità di esperta, ma come una bambina un po’ cresciuta che ha già visto crollare e scoppiare in lacrime i suoi genitori e che se lo ricorda ancora.

Perché mi innamoro sempre degli uomini che non mi amano?

Ogni volta la stessa storia, sei attratta da uomini che non si interessano a te, che non ti fanno stare bene, che sono totalmente inaccessibili? Ma perché ricadi sempre nello stesso schema drammatico? Nathalie Prussia-Collin, autorevole psicologa francese, ci spiega questo comportamento.

Mi sento diversa: non tutti i mali vengono per nuocere!

"Beh, ma tu sei un artista!". "Si vede che sei un po' originale!" Questo è proprio il tipo di osservazione che i miei amici mi fanno spesso (molto, troppo spesso). Complimenti? Non proprio. Più che altro è un modo educato di farmi capire che non sono come loro, che sto facendo troppo, o troppo poco, che non seguo il ritmo. La verità? Credo che abbiano ragione!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!