Mi sento sempre toccata, perché?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Lo ammetto, non mi si può dire niente! Spesso interpreto quello che mi dicono gli altri e mi sento toccata… in maniera negativa ovviamente. Un’amica mi racconta che lavora duro e che finisce tardi la sera e io non posso impedirmi di pensare che vuole farmi notare che io non faccio abbastanza. Quando sono andata a prendere mio figlio con la febbre a scuola a metà giornata la maestra mi ha invitato a tenerlo a casa se non sta bene e subito ho pensato di non essere una buona madre. Perché penso che tutto sia una critica nei miei confronti? Pare che sia un problema di autostima…

Mi sento sempre toccata, perché?

Perché prendo tutto male? Per esistere!

Devo avere un super potere. Pare che riesca a leggere i pensieri della gente e che tutti pensino continuamente a me 👁️‍🗨️! Questa è la frase che mi ha detto un giorno una psicologa. Le conversazioni si interrompono improvvisamente quando entro nella stanza, qualcuno scoppia a ridere di fianco a me, uno sguardo un po’ insistente: questo è quello che ho l’impressione di vivere quotidianamente. Parlano di me, mi criticano, pensano che sia vestita male, notano che sono ingrassata… insomma prendo tutto male e soprattutto, ho l’impressione che tutto giri intorno a me. Sentirsi sempre presi di mira è in realtà un modo per cercare di restaurare un’autostima in crisi. Quando si prende del tempo per sé, il ragionamento è semplice: tutto piuttosto che l’indifferenza! Cerco ad ogni costo di essere importante agli occhi degli altri ma è solo un’illusione e soprattutto anche in parte uno sminuimento.

Necessità di mantenere il controllo

Gli altri e il loro comportamento sono, per definizione, cose che vanno al di là di noi. Sentirsi toccati dai loro commenti o sguardi è un modo di riprendere il controllo. Non controlliamo il modo in cui gli altri agiscono ma possiamo controllare il nostro modo di reagire. In ogni caso, se i narcisisti si arrabbiano subito anche dopo una minuscola critica, coloro che si sentono toccati non sono necessariamente narcisisti, ma piuttosto hanno una grande mancanza di fiducia in se stessi. Tutto ciò che è sentito come un’offesa, spesso involontaria da parte dell’interlocutore, provoca un senso di impotenza, di isolamento, di inferiorità, di vergogna ecc.

È quindi un sentimento ambivalente. Ci sentiamo toccati per paura di non esistere agli occhi degli altri, anche se la critica ci isola.

Un piccolo problema di interpretazione

Al di là della volontà di rimettersi al centro dell’attenzione e di esistere per paura dell’abbandonoil fatto di prendere male tutto indica anche che abbiamo difficoltà a decodificare i messaggi. La nostra interpretazione è sicuramente errata e ci spinge a guardare la realtà sotto un prisma sistematicamente negativo. Fin qui, niente di eccezionale. Il cervello ha sempre tendenza a tradurre la realtà di un evento, solo che qui la realtà che ci inventiamo ci fa male. Questa distorsione trova spesso origine nell’infanzia o in un trauma subito che ci ha lasciato intendere che non fossimo all’altezza. Forse sei stata l’alunna esclusa dagli altri, vittima di dicerie. Forse eri la bambina o l’adolescente presa in giro. L’indifferenza o il senso di incomprensione possono causare questa impressione di essere sempre attaccati.

Ciò che gli altri dicono di te la dice lunga su di loro, non su di te.

Ho deciso, smetto di prendere male tutto: 10 frasi da ripetersi

Quando si ha tendenza a interpretare tutto male e a sentirsi attaccati, bisogna riuscire a fare un passo indietro per razionalizzare la situazione e gestire le proprie emozioni per evitare reazioni a caldo. Queste 10 frasi possono aiutarti. È bene sapere che a seconda di quello che viviamo siamo tutti più o meno ipersensibili. A volte va tutto bene, a volte il peso del giudizio degli altri ci sovrasta. È necessario fare mente locale e ripetere le seguenti frasi:

  • 1. Non sono la causa delle azioni degli altri. Loro stessi ne sono la causa 👉.
  • 2. Non posso controllare quello che gli altri pensano di me, non deve interessarmi ⭐.
  • 3. Il modo in cui le persone mi trattano è un loro problema. Il mio problema è il modo in cui reagisco 🧘‍♀️.
  • 4. Sono capace di controllare le mie emozioni e reazioni 💪.
  • 5. Tutti reagiscono in funzione della propria educazione, delle proprie esperienze e traumi. Anche io 🧑‍🤝‍🧑👬.
  • 6. Non ho bisogno dell’approvazione degli altri per esistere 🙆‍♀️.
  • 7. La reazione della persona di fronte a me non mi piace, ma non può farci nulla. È la sua reazione e non mi definisce come persona 🎚️.
  • 8. Se una persona mette delle barriere tra lei e me, meglio non forzare nulla 🚧.
  • 9. Non mi lascio toccare dall’aggressività degli altri, resto positiva 😊.
  • 10. Sono un’adulta capace di accettare e far valere le mie differenze 👩‍💼.

Il consiglio della redazione: prendere tutto per sé è fonte di sofferenza

Se leggi questo articolo significa che sei consapevole che hai la tendenza a prendertela per tutto. La consapevolezza è il primo passo per stare meglio, quindi complimenti! Come dicevamo nell’articolo, tutto dipende da una mancanza di fiducia in se stessi. Fortunatamente, ci si può lavorare su. Vivere in questo modo è molto stancante, cerca di concentrarti su quanto abbiamo visto insieme per stare meglio con te stessa e con gli altri.

🤗Capirsi, accettarsi, essere felice… Qui e ora! 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

La sindrome della figlia maggiore: perché è un problema?

Sono la terzogenita dei miei fratelli. Quindi, no, non sono la più anziana della famiglia. Non sono affetta dalla sindrome del figlio maggiore, anche se ne ho sentito parlare, soprattutto in ambito femminista. Sì, perché è una sindrome che colpisce specificamente le donne... Ma cos'è la sindrome del figlio maggiore? Perché è un problema? Te lo spiego io.

Non riesco a piangere, qual è il problema?

Piango sempre. Sì, lo so, questo contraddice il titolo dell'articolo! Sono molto sensibile, quindi piangere è un modo per liberarmi delle mie emozioni. Tuttavia, alcune persone non riescono a piangere. Una persona a me cara mi ha detto di recente: "Perché io non riesco a piangere mentre tu sì? È in parte per lui che sto scrivendo questo articolo oggi. Per aiutarlo a capire cosa lo trattiene, perché le sue lacrime non scorrono. Spero che possa aiutare anche te e che questo blocco sia presto superato.

I 5 linguaggi dell’amore secondo Gary Chapman

L’oggi ottantaduenne Gary Chapman è un consulente matrimoniale animatore di seminari al quale le coppie devono tanto. Il progetto della sua vita: salvare matrimoni. Considerando che l’amore può assumere mille e una forma, e che ognuno di noi è diverso, noi tutti, ad un certo punto, abbiamo fatto fatica a capire il nostro partner. Un bacio sulla fronte al risveglio, un tête-à-tête alla fine della giornata…si può dare e ricevere in 5 modi diversi, sempre di amore si tratta! Scopri i 5 linguaggi del cuore.

Single: non perdere tempo ad aspettare il tuo principe azzurro

In TV, nei film, nelle canzoni… il tema dell’amore ricorre in continuazione. Dappertutto, tranne nella tua vita. Sogni di trovare la persona giusta, che ti faccia battere il cuore e perdere la testa. Eppure, sembra che la tua anima gemella sia data per dispersa, introvabile! Prima di perdere la fiducia nell’umanità, dovresti smettere di cercare a tutti i costi un partner e concentrarti sulla tua vita, sul tuo benessere. Ecco tutto ciò che può fare un single invece che cercare l’amore.

Candaulismo: in cosa consiste questa pratica sessuale?

Candaulismo. Alcuni sanno perfettamente di cosa si tratta e per altri, invece, è un termine completamente nuovo. Eppure, il candaulismo è davvero semplice; in realtà, è una fantasia e una pratica vecchia come il mondo. Si tratta di guardare il proprio partner fare l'amore con un'altra persona. Ora che lo sai, scopriamo meglio di cosa si tratta!

Pansessualità: l’amore senza etichette

Pur essendo ancora poco conosciuto, il termine "pansessualità” non è tuttavia nuovo. Se ne sentiamo parlare sempre più spesso, senza in realtà sapere bene a che cosa si riferisca, è perché è oggetto di un crescente interesse mediatico. Alcuni artisti non esitano più a rispondere apertamente a domande indiscrete sulla loro sessualità, che non rientra nell’ambito dell’eterosessualità. Da Freud a Miley Cyrus, che cos’è la pansessualità e cosa significa?

Erotomania: un amore ossessivo non corrisposto

Quando ero più piccola, ho avuto varie cotte per delle persone famose. È durata fino all’adolescenza e speravo dentro di me di poter incontrare la persona di cui mi ero invaghita e vivere una bella storia d’amore. A differenza di quello che succede per una persona erotomane, mi rendevo conto che nulla era reale, che era tutto nella mia testa. Nota anche come sindrome di Clérambault, questa patologia indica gli “amori immaginari”. Cosa significa? Come si può diventare ossessionati da un amore non corrisposto? Cosa si nasconde dietro un comportamento erotomane? Scopriamolo insieme.

E se ci chiedessimo per davvero "come va?"

“Ciao, come va?” Aaaaah ! Quante volte al giorno facciamo o riceviamo questa domanda così banale e alla quale nessuno vuole dare o ricevere una risposta sincera. E se, in questo periodo così triste e buio, osassimo qualcosa di un po' rivoluzionario e ci chiedessimo per davvero “come va”?

Come accettare il proprio corpo dopo il parto?

Il piccolino è arrivato. È un bellissimo regalo che dà gioia alla tua vita… Ciò che è un po’ meno bello è il tuo nuovo corpo. Certo, è un corpo magnifico, che ha saputo donare la vita, ma non è quello a cui eri abituata. Meno tonico, a tratti un po’ molliccio, più largo, meno fluido… difficile sentirsi a proprio agio in questo involucro che non ci piace. Eppure credimi, hai vari motivi per smettere di farti complessi.

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!