Odio gli animali: sono una persona orribile?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

"Che carino quel cane, che tenero quel gatto…" Si, troppo carini, in foto però, non di certo sulle mie ginocchia! Ho molta più voglia di evitare gli animali piuttosto che di accarezzarli. Alcuni mi dicono che sono tremenda, ma non si rendono conto di tutti quelli che sono gli inconvenienti dell’avere un animale in casa, o la paura che personalmente provo all’idea. Non mi piacciono gli animali, mi fanno anche un po’ paura, ma da cosa potrebbe derivare questa fobia? Vediamolo insieme!

Odio gli animali: sono una persona orribile?
 
 Sommario

Non mi piacciono gli animali, è grave?

Non sono un mostro!

È vero che nelle foto sono molto carini, ma non trovo irresistibile quel loro musetto. In realtà, la loro presenza mi infastidisce, non ne sopporto l’odore e mi chiedo sempre quale sia la loro utilità in una casa. Nel loro habitat naturale, in u campo o nella giungla, sono bellissimi, ma a casa mia è tutta un’altra storia. Capisco però l'esigenza di alcune persone (forse circa un italiano su due), che adottano un animale da compagnia per abitudine o per colmare un certo senso di solitudine.

Non essendo cresciuta con animali in casa, non riesco a sentire la mancanza di qualcosa che non ho mai avuto; dunque, l’idea di avere un animale domestico non suscita in me alcun interesse e anzi, mi fa quasi paura. Allora non capisco perché tutti sono comprensivi verso chi ha paura di ragni, insetti o serpenti (che sono ufficialmente considerati come esseri ripugnanti), ma nessuno comprende me, che non sopporto il muso umido di un cane che mi odora i piedi…forse ho un cuore di pietra! E se la gente ascoltasse le mie ragioni piuttosto che vedermi come un mostro?

giudizio degli altri

Ho paura degli animali: dal fastidio alla fobia

La tolleranza dovrebbe andare in entrambe le direzioni. Io non impedisco a nessuno di vivere circondato da peli o piume, ma gli altri mi giudicano se non la penso come loro; non è giusto. Quando una persona dice che non le piacciono gli animali, significa che può provare fastidio alla loro presenza così come può significare che ha una vera e propria fobia. Forse è una questione di carattere, ma io non voglio che una creaturina mi aspetti impaziente quando torno a casa. Dove gli altri vedono un esserino da coccolare, io vedo solo una lunga lista di inconvenienti. Ho il diritto di non apprezzare gli animali domestici, di non aver voglia di spendere i miei risparmi dal veterinario o in crocchette, di voler passare la notte senza sentire lamenti o di preferire il mio divano libero da peli.

➡ Gli animali degli altri ? Chi lo sa. Magari ho vissuto una brutta esperienza quando ero bambina… Alcune reazioni sono il frutto del mio istinto di sopravvivenza. Non sto alla larga dagli animali per divertimento, ma piuttosto per proteggermi o per qualche altra misteriosa ragione.

La redazione ti consiglia - Le 10 fobie più insolite. A ciascuno la propria fobia!

Bambino con un cane

Non dimentichiamo però che gli animali possono essere di grande aiuto, per esempio attraverso la pet therapy o zooterapia.

Esistono però alcune eccezioni…

Per esempio, con gli animali dei miei cari, che conosco e che mi conoscono da tempo, sono tranquilla. So per certo che non sono pericolosi e, ad essere onesta, mi intenerisco molto quando li vedo farmi la festa come se fossi una star di Hollywood. Quasi mi fanno sentire in colpa… se sapessero quello che penso di loro, che invece mi fanno le feste ogni volta che mi vedono. Sicuramente non incomincerò a coccolarli sulle mie ginocchia da domani, ma questo è già un piccolo progresso.

E poi, apprezzo i loro padroni, quindi per forza di cose apprezzo anche loro. Ecco la prova che una persona che non ama gli animali non resta ferma nella sua convinzione sempre e comunque. In realtà, questo sentimento (o piuttosto questa assenza) è in gran parte il frutto della mia personale e intima psicologia.


Il consiglio dello psicologo – Il vero problema non sono loro

Marjolaine Heymes, dottoressa in psicologia, spiega che “L’animale ci rimanda all’immagine che abbiamo di noi stessi, spesso è la proiezione inconsapevole del suo padrone”.
 ➡ Quando una persona afferma di non amare gli animali, potrebbe significare che quest’ultima vive un conflitto interno, contro ciò che inconsciamente lei stessa rappresenta. Due sono i casi possibili: o l’individuo in questione non ha il temperamento che attribuisce ad un animale, per esempio un gatto, e quindi lo invidia segretamente (perché vorrebbe essere altrettanto indipendente o provare la stessa indifferenza nei confronti del giudizio altrui), o possiede questo tratto del carattere e vorrebbe cambiarlo (la sua indipendenza lo fa isolare e quindi gli pausa sofferenza).

In ogni caso, se una qualunque fobia ti mette a disagio o rende la tua vita un inferno, non esitare a contattare uno psicologo.

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!