6 consigli per lottare contro la tristezza della domenica sera

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Domenica sera, ore 17, la malinconia inizia a farsi sentire. Il weekend volge al termine, bisogna iniziare ad organizzare la giornata di domani e finire le faccende domestiche, che non sono mai piacevoli. Dunque questa malinconia domenicale è davvero inevitabile? Assolutamente no! Scopri i nostri 6 consigli per concludere il weekend all’insegna del buonumore!

6 consigli per lottare contro la tristezza della domenica sera
 
 Sommario


A partire dalle 16 hai l’impressione che la giornata stia volgendo al termine e inizi a proiettarti mentalmente verso il lunedì mattina con la sveglia presto e la giornata intera a lavoro. Il tuo umore inizia ad abbassarsi, non ti sei accorta del tempo che passava e ti senti ancora stanca nonostante il weekend trascorso. È quella che definiamo "tristezza della domenica sera" o "Sunday blues". Scopri i nostri 6 consigli per lottare contro questa malinconia.

6 consigli per affrontare il “Sunday blues”

1)Cerca di tenere il ritmo

Anche se il weekend è l’unico momento in cui possiamo concederci di dormire tutto il giorno, sarebbe meglio cercare di mantenere un certo ritmo, per non soffrire della malinconia domenicale e dell’insonnia che ne consegue! Per non disequilibrare il tuo ritmo del sonno, cerca di fare non più di 20 minuti di pisolino pomeridiano.

➡ Stesso discorso vale per le lunghe mattinate; l’ideale sarebbe dormire al massimo 2 ore e mezza in più rispetto al resto della settimana.

2)Opta per una giornata al massimo!

Dopo la sveglia, una bella doccia, una passeggiata per prendere un po' d’aria e magari anche un po' di sole… Conservare certe piccole abitudini aiuta a non confondere il nostro corpo. Così, la giornata inizierà nel migliore dei modi. Metti il telefono in silenzioso o addirittura stacca la connessione internet. In effetti, paragonare la tua giornata pigiama-televisione a quella delle star di Hollywood piene di impegni potrebbe essere un vero e proprio incentivo verso la malinconia domenicale.

3)Anticipa le faccende del weekend

Spesso la domenica è il giorno in cui ci si dedica alle pulizia, si stira, si fa la lavatrice etc. Procrastinare ci porta a rimandare queste faccende all’ultimo minuto per poter godere a pieno del weekend. Tuttavia, sarebbe utile organizzarti in modo da fare le faccende nel corso della settimana per poter ritrovare la casa pulita e sistemata la domenica. Se proprio non riesci ad organizzarti in questo modo, cerca almeno di non lasciare per ultime le cose più noiose in modo da non doverle fare proprio di domenica.

4)Organizza delle attività

Per evitare d trascorrere tutta la giornata in pigiama davanti alla televisione, prova a dedicarti a delle attività, che possono essere culturali, sportive, o anche a delle camminate in famiglia o tra amici. Condividere dei momenti di convivialità o ritrovare delle conoscenze ci consente di approfittare al massimo del nostro weekend. Puoi anche organizzare una serata tra amici davanti ad un gioco di società, non c’è niente di meglio per trascorrere qualche ora all’insegna del divertimento e della spensieratezza, concedendoti di mollare la presa!

5)Ascolta musica che ti dia la carica

Alcune canzoni sono una vera e propria fonte di energia. La respirazione e la pressione arteriosa diminuiscono, ed è l’ideale per iniziare con il piede giusto la settimana ormai vicina. Non esitare a fare una playlist composta da canzoni dinamiche e che ti trasmettono buonumore!

6)Vedi il lunedì in modo positivo

Di solito, la domenica sera è compromessa dai pensieri riguardanti il lavoro che ci attende il lunedì mattina seguente. Cerca di associare a questa giornata delle attività o dei compiti che ti rendano felice. Dopo aver identificato i pensieri negativi, trasformali in positivi. Per relativizzare, puoi anche cercare di visualizzare il lunedì, proiettandoti nella situazione, in modo da rilassarti mentalmente.

Malinconia domenicale: da cosa deriva

Dopo una settimana ricca di impegni organizzati nel dettaglio, il weekend è il momento in cui ci si dedica ai pranzi in famiglia o alle feste con gli amici, ci si concede di andare a letto tardi e di posticipare la sveglia la mattina seguente. Il nostro ritmo circadiano ne risente, e sarebbe questo scombussolamento ad avere un impatto sul nostro umore. Per le persone molto attive, le domeniche noiose sono un vero e proprio fardello.

I sintomi della tristezza della domenica sera

La domenica sera per molti è fonte di grande tristezza perché pensano al lunedì che segue, alla mole di lavoro, ai documenti sulla scrivania. Lo stress inizia a farsi sentire e ad invaderci. La stanchezza, l’irritabilità, il nervosismo e la scontrosità sono tutti sintomi della malinconia domenicale. Attenzione però, perché possono essere anche i sintomi di una profonda ansia e alle volte anche della depressione. In effetti, dopo una settimana passata a mettercela tutta per mostrare a chi ci circonda tutte le nostre capacità, una persona depressa muore di stanchezza proprio la domenica.

La redazione ti consiglia: Possiamo piangere a lavoro? La chiave per gestire le proprie emozioni


Il consiglio della redazione: e gli altri giorni della settimana?

Attenzione, la malinconia domenicale può nascondere una depressione per chi non sta bene la domenica ma nemmeno gli altri giorni della settimana; in questo caso, bisogna ascoltare i campanelli d’allarme e non temere di consultare uno specialista. Attenziona anche a non confondere la malinconia domenicale con l’ansia legata al ritorno in ufficio che potrebbe nascondere un malessere al lavoro.

➡ Per quanto riguarda i bambini, fate attenzione al cambiamento del loro umore nella giornata di domenica, perché la malinconia domenicale alle volte può nascondere una fobia scolare.



Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Il potere della comunicazione positiva nella coppia

Un’amica una volta mi ha detto che la coppia è come l’interno di una palla di neve di vetro: intima, preservata, al riparo. Protetti, si costruisce insieme la coppia, ma ogni critica, riflessione, insulto scalfisce questo ambiente e se non si fa attenzione, questo micro universo sparisce. Io ho deciso di riparare i primi danni visibili. Come? Utilizzando la comunicazione positiva.

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!