7 consigli per avere la pancia piatta

La pancia riflette sempre le emozioni, qualunque cosa facciamo per evitarlo. Si gonfia, si sgonfia, ci fa male, ci sentiamo appesantiti... Cosa fare per liberarsi di questa spiacevole sensazione di gonfiore? Quali abitudini devi cambiare? Applicando questi 7 consigli, il tuo stomaco non sarà mai più lo stesso!

Sommario

7 consigli per liberarsi della pancia gonfia

Mens sana in corpore sano, recitava un proverbio latino, e forse non aveva tutti i torti...

1) Gestire lo stress

Più facile a dirsi che a farsi, perché non è semplice controllare le emozioni. In effetti, proprio a causa dell’ansia, alcuni organi reagiscono e impediscono al sangue di circolare liberamente. Fare attività sportiva è il miglior modo per liberare la mente, scaricare lo stress e alleggerire così il nostro corpo, che può finalmente funzionare al meglio. Un’altra soluzione è lavorare sulla respirazione, con lo yoga, pilates o la meditazione...

2) Mangiare sano

Una volta che ti sei rilassato, puoi passare alla fase 2, che si concentra sull'alimentazione. Ricorda che non potrai mai avere la pancia piatta se continui a mangiare alimenti troppo calorici che favoriscono la ritenzione idrica e l’aerofagia. È arrivato il momento di eliminare, sin da subito, dalla tua alimentazione tutti i prodotti lattiero-caseari, gli affettati, tutti i preparati industriali, le bevante gassate e le famigerate caramelle. Da oggi privilegia verdura, frutta, cereali integrali e proteine.

La redazione ti consiglia: Vuoi diventare vegetariano? 5 consigli da tenere a mente

Ragazza che mangia sul divano

Sappi che un cucchiaio di bicarbonato di sodio durante la cottura delle verdure impedisce la loro fermentazione.

3) Bere molta acqua

La spiegazione è scientifica: quando si inizia una dieta, e il corpo tende a disidratarsi e a trattenere i liquidi. È così che una grande quantità d’acqua si accumula nella zona del ventre, provocando gonfiore. Per liberarsi di questa acqua in eccesso, basta bere 1,5 L di acqua al giorno, variando anche con tisane o infusioni.

4) Conta fino a 10 tra due bocconi

Masticare bene gli alimenti prima di ingoiarli, è il modo migliore per digerirli correttamente ed evitare di affaticare lo stomaco e l’intestino. Ricorda che la digestione inizia proprio nella bocca, è la saliva che inizia a scindere le prime molecole complesse. È quindi importante mangiare con calma e contare fino a 10 tra un boccone e l’altro.

5) Tieni una posizione corretta

Sappi che trascorriamo in media più di 7 ore al giorno seduti, il nostro corpo ha quindi bisogno che teniamo la posizione eretta il più a lungo possibile. È quindi importante tenere la schiena dritta, le spalle larghe e i muscoli addominali contratti.

6) Farsi un massaggio

Non hai bisogno di essere un fisioterapista per farti un massaggio. Ti basta ripetere un movimento semplice all’altezza dell’ombelico: posizione le mani sulla pancia, entrambi i palmi all’altezza dell’ombelico, e pratica 3 leggere pressioni. Poi, ripeti lo stesso movimento per tre volte, sulla parte superiore e sulla parte inferiore del ventre. Questo semplice movimento favorisce la digestione e allevia il senso di gonfiore.  

7) Comprare un tappetino per addominali

Ultimo consiglio, forse quello più temuto, è l’acquisto di un tappetino e iniziare ad allenare la zona addominale. Inizia con calma, senza esagerare, bastano 10 minuti tre volte a settimana. Valuta tu l’intensità a seconda dello sforzo.


Consiglio della redazione – Pancia gonfia? Non è la fine del mondo

La pancia non è sempre la stessa, anche durante la stessa giornata passiamo da momenti in cui ci sentiamo gonfi ad altri in cui nemmeno ci poniamo il problema. Ricorda che la pancia riflette il nostro umore: frustrazioni e paure hanno un effetto diretto su gonfiore e ritenzione idrica.


Articolo suggerito da
La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il cervello rettiliano è responsabile dei nostri comportamenti primari?

“Avrei voglia di qualcosa di dolce, di zucchero… il cervello rettiliano mi sta mandan...

Leggi

Perché ci piace avere paura? È colpa degli ormoni!

Inventare storie di fantasmi, ascoltare orribili leggende, cercare di parlare con gli...

Leggi

Come evitare di trasformare la rabbia in violenza?

Il confine tra rabbia e violenza è sottile e a volte basta davvero poco perché la rab...

Leggi

La logoterapia: dare un senso alla propria vita

La fine di una storia d’amore, un lutto, un licenziamento… A volte la vita ci mette a...

Leggi

Quali sono le 6 emozioni primarie? Paura, gioia e…

Le emozioni, che universo misterioso! Insegniamo ai bambini a riconoscerle, agli adul...

Leggi

Mi annoio in ufficio… Soffro di sindrome da bore-out?

Più passano i giorni, più cerco di ammazzare il tempo al lavoro. Per alcuni potrebbe ...

Leggi

5 buone ragioni di ascoltare le proprie emozioni sul lavoro

Le emozioni non sono un freno al successo. Al contrario, possono essere un incredibil...

Leggi

I benefici della noia, o l’arte del dolce far niente

“L’ozio è il padre di tutti i vizi”, sei d’accordo? In ogni caso, il mondo corre a mi...

Leggi

La mitomania: mentire per valorizzarsi

Se pensi che Pinocchio gli fa un baffo, sei di fronte ad un mitomane! Non hai mai dub...

Leggi

Perché mentiamo? Siamo tutte un po’ bugiarde!

Parliamoci chiaro, siamo tutte un po’ bugiarde! Chi non hai mai mentito scagli la pri...

Leggi

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!