Vaginismo: le soluzioni per curarlo!

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Il vaginismo non è causato da una malformazione anatomica, non è legato ad alcun problema fisico. Infatti, questo disturbo ha una natura psicologica, e consiste in una paura irrazionale della penetrazione che scatena una reazione a catena; infatti, questa angoscia incontrollata provoca una contrazione della muscolatura vaginale. Niente panico, esistono delle soluzioni.

Vaginismo: le soluzioni per curarlo!
 
 Sommario

Poco conosciuto e alle volte oppresso dal tabù della sessualità, il vaginismo si può superare senza troppe difficoltà e nel giro di poco tempo grazie all’aiuto di professionisti. Sono due i metodi principali per ritrovare una sessualità soddisfacente, e sono:

Ancora oggi troppe donne soffrono di vaginismo e aspettano anni prima di consultare uno specialista. Tuttavia, bastano poche sedute per porre fine al problema e godere pienamente della propria sessualità. Sono diversi i fattori che possono provocare questa paura angosciante della penetrazione e del dolore che quest’ultima potrebbe provocare:

  • Una scarsa conoscenza dell’apparato genitale
  • Alcune idee sbagliate. Es: "ho la vagina troppo stretta, poco profonda" etc.
  • Dei divieti morali o religiosi che hanno impedito la scoperta dell’intimità

5 consigli per rilassarsi

1) I professionisti, i tuoi migliori alleati

Un esperto in chinesiterapia pelvico-perineale sarà in grado di aiutarti a riscoprire il tuo corpo.

2) Prendi consapevolezza del funzionamento della vagina

Sarà un po’ come tornare indietro alle lezioni di educazione sessuale, imparando l’anatomia attraverso l’uso delle immagini. Poi, in un secondo momento, sarai pronta a buttarti alla scoperta del tuo corpo davanti ad uno specchio. Lo scopo di questi esercizi è quello di riprendere contatto con la realtà e di buttare nel dimenticatoio le idee limitanti che ti sei fatta nel corso del tempo.

3) Rilassa i muscoli della vagina

Grazie ad alcuni esercizi di rilassamento, puoi imparare a rilassare il perineo per lasciare spazio alla riscoperta delle tue parti intime.

4) Abitua il tuo corpo con delicatezza

Se dovesse essere necessario, l’esperto in chinesiterapia potrebbe consigliarti l’uso di dilatatori vaginali; il loro utilizzo ti aiuterà, mostrandoti progressivamente (ma pur sempre in modo controllato) che anche la tua vagina è assolutamente predisposta alla penetrazione senza alcun dolore.

5) La psicologia, per dire addio alle tue paure

La terapia cognitivo-comportamentale (TCC) consiste nel modificare i pensieri automatici della mente, nell’agire direttamente sulle paure e sui comportamenti che ne derivano. Una sorta di riprogrammazione mentale per liberare corpo e spirito!

Vaginismo non curato: conseguenze disastrose!

  • Visite ginecologiche irregolari: le visite ginecologiche diventano una tortura poiché il vaginismo non riguarda soltanto il rapporto sessuale ma anche l’inserimento di strumenti medici. Peccato che recarsi regolarmente dal ginecologo sia necessario per assicurarsi una buona salute e prevenire eventuali rischi.
  • Grande disagio durante le mestruazioni: per le ragioni evocate nel punto precedente, l’utilizzo dell’assorbente interno è spesso impensabile per chi soffre di vaginismo. Addio alla libertà di movimento, ad alcune tipologie di abbigliamento, ai bagni al mare, ecc...
  • La sofferenza fisica: ovviamente, dato che all’origine del vaginismo c’è un problema psicologico, la contrazione dei muscoli rende doloroso qualsiasi tentativo di penetrazione.
  • Il senso di colpa: le donne che soffrono di vaginismo si sentono in colpa poiché non riescono a condividere con il proprio partner una vita sessuale soddisfacente e hanno la sensazione di compromettere l’equilibrio della coppia. Inoltre, molto spesso è anche il desiderio di diventare madri che spinge le donne affette da vaginismo a consultare un medico per porre fine al problema.

La redazione ti consiglia: Perché è così difficile parlare di sesso?


Il consiglio della redazione: parlane senza vergogna!

Non bisogna provare vergogna nel parlare di sesso e ancora meno dei disturbi legati ad esso. I professionisti sono a tua disposizione, conoscono molto bene queste problematiche e sapranno accompagnarti con discrezione, secondo il tuo personale ritmo, per porre fine al problema.

Nessuno merita di soffrire in silenzio e di privarsi di una vita sessuale soddisfacente. Grazie ai metodi che abbiamo elencato poco fa, la maggior parte delle donne ritrovano la serenità (permettendo dunque la penetrazione) in sole 6 o 7 sedute. La cosa più difficile è prendere il telefono e chiamare lo specialista, ma una volta fatto il primo passo, è tutto in discesa!


Ti potrebbe interessare: 

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!