Il metodo SMART per raggiungere degli obbiettivi intelligenti e realizzabili!

Per riuscire a concludere un progetto spesso e volentieri ci fissiamo degli obbiettivi, e questo è del tutto nella norma. Ma per ottimizzare le probabilità di successo e stabilire degli obbiettivi chiari, motivanti e realistici, ecco che entra in scena il metodo SMART! Vediamo insieme di che cosa si tratta.

 
 Sommario

Degli obbiettivi SMART per un successo assicurato

Gli obbiettivi e gli indicatori del metodo SMART riposano su una mnemotecnica che permette di definire gli obbiettivi più adatti per avere successo nel proprio progetto

SMART in 5 parole

Il metodo SMART è composto da 5 punti, 5 indicatori che sono alla base della strategia di successo.

  • S come Specific ovvero Specifico, Semplice: l’obbiettivo dev'essere in linea diretta con il tuo lavoro o il lavoro della persona incaricata di raggiungerlo. Questo obbiettivo deve a sua volta essere chiaro, preciso e comprensibile sia per il diretto interessato sia per i suoi collaboratori, affinché tutti ne siano coinvolti.
  • M come Measurable ovvero Misurabile: è necessario scegliere un obbiettivo che sia quantificabile. Solo in questo modo si potranno notare e valutare i risultati ottenuti nonché gli sforzi fatti.
  • A come Achievable ovvero Ambizioso, Raggiungibile: è tutta una questione di misure. L’obbiettivo dev'essere ambizioso affinché sia motivante, ma allo stesso tempo dev'essere ragionevole, altrimenti il rischio è quello di perdere la motivazione dei partecipanti al progetto.
  • R come Realistic ovvero Realistico: per evitare che i partecipanti abbandonino il progetto, o che lo faccia tu, bisogna fissarsi degli obbiettivi raggiungibili e realistici.
  • T come Time-Based ovvero Temporizzabile: naturalmente, l’obbiettivo deve avere una durata, dev'essere delimitato nel tempo e deve avere una durata stabilita. Bisogna dunque evitare frasi come “Il prima possibile”, “il più rapidamente possibile”, “quando hai tempo” etc. Questi indicatori hanno l’obbiettivo di fissare degli obbiettivi precisi, formulati ottimamente e che coinvolgano tutti. Evitando i termini troppo vaghi si aumentano le possibilità di successo.

I vantaggi del metodo SMART

Che tu sia manager, libero professionista o dipendente, utilizzare il metodo SMART è sempre vantaggioso:

  • Valutazione degli sforzi
  • Miglioramento della comunicazione tra i collaboratori e il manager
  • Allineamento delle strategie
  • Coerenza tra le azioni dei collaboratori
  • Miglioramento delle performance
  • Ottimizzazione delle risorse di ciascuno
  • Misura del successo del progetto
  • Perfetta conoscenza dei propri compiti e di quelli degli altri
  • Risparmio di tempo e di soldi
  • Evitare sforzi inutili
  • Impegno e collaborazione
  • Soddisfazione personale nel raggiungimento dell’obbiettivo

Come mettere in atto il metodo SMART?

Ipotizziamo che tu voglia migliorare le tue conoscenze su un determinato argomento.

1)Specifico: Ho bisogno/Ho voglia di migliorare le mie competenze. Ho bisogno di queste conoscenze per una scadenza fissata tra due mesi.

2)Misurabile: Da questo momento fino a "x" mese devo dunque guadagnare competenze e padronanza in tale ambito ed essere in grado di trasmettere queste competenze ai miei collaboratori.

3)Achievable, Raggiungile: Ho bisogno di queste competenze per far avanzare la mia carriera e decido di dedicarmi a questa attività 2 giorni alla settimana.

4)Realistico: Se voglio far accrescere la mia posizione oi risultati della mia azienda presto avrò bisogno di queste conoscenze. È necessario dunque che impari in fretta.

5)Time- Based: In "x" mesi dovrò essere in grado di mettere in pratica queste nuove conoscenze e trasmetterle ai miei collaboratori.


Il consiglio della redazione – Avere in testa l’obbiettivo non è abbastanza

Per perseguire e raggiungere un obbiettivo, non basta averlo in mente. Per esempio, quante volte riusciamo concretamente a portare avanti i propositi dell’anno nuovo? Abbastanza raramente, ammettiamolo. Il vantaggio del metodo SMART è che, oltre all’ideazione dell’obbiettivo, c’è una vera e propria strategia che ci aiuta a lavorare per poterlo raggiungere, a prescindere che questo obbiettivo appartenga alla sfera professionale o a quella privata. E raggiungere un obbiettivo, si sa, aumenta l’autostima! Dunque, che aspetti?


La redazione ti consiglia:

4 consigli per imparare ad amarsi: di' addio all'insicurezza!

Il mio manager è tossico? 9 segni per scoprirlo!

Articolo suggerito da
Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma... Continua a leggere

Gli articoli appena pubblicati

Il cervello rettiliano è responsabile dei nostri comportamenti primari?

“Avrei voglia di qualcosa di dolce, di zucchero… il cervello rettiliano mi sta mandan...

Leggi

Perché ci piace avere paura? È colpa degli ormoni!

Inventare storie di fantasmi, ascoltare orribili leggende, cercare di parlare con gli...

Leggi

Come evitare di trasformare la rabbia in violenza?

Il confine tra rabbia e violenza è sottile e a volte basta davvero poco perché la rab...

Leggi

La logoterapia: dare un senso alla propria vita

La fine di una storia d’amore, un lutto, un licenziamento… A volte la vita ci mette a...

Leggi

Quali sono le 6 emozioni primarie? Paura, gioia e…

Le emozioni, che universo misterioso! Insegniamo ai bambini a riconoscerle, agli adul...

Leggi

Mi annoio in ufficio… Soffro di sindrome da bore-out?

Più passano i giorni, più cerco di ammazzare il tempo al lavoro. Per alcuni potrebbe ...

Leggi

5 buone ragioni di ascoltare le proprie emozioni sul lavoro

Le emozioni non sono un freno al successo. Al contrario, possono essere un incredibil...

Leggi

I benefici della noia, o l’arte del dolce far niente

“L’ozio è il padre di tutti i vizi”, sei d’accordo? In ogni caso, il mondo corre a mi...

Leggi

La mitomania: mentire per valorizzarsi

Se pensi che Pinocchio gli fa un baffo, sei di fronte ad un mitomane! Non hai mai dub...

Leggi

Perché mentiamo? Siamo tutte un po’ bugiarde!

Parliamoci chiaro, siamo tutte un po’ bugiarde! Chi non hai mai mentito scagli la pri...

Leggi

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!