Perché è importante festeggiare il Natale in periodo di Covid?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

L’anno scorso ci siamo abbiamo mangiato e bevuto, ci siamo fatti piacere la torta preparata dalla classica zia che non sopportiamo, abbiamo discusso, riso, ci siamo abbracciati… Insomma, un Natale come tutti gli altri, regali, albero, luci e ghirlande colorate, incredibile pensare quanto tutto possa essere così diverso da un anno all’altro. Ciò che un anno fa era del tutto normale, oggi diventa impossibile, o addirittura pericoloso. Ora come ora, difficile capire se potremmo festeggiare il Natale con la nostra famiglia, non ci resta altro da fare che sperare!

Sommario:

Citazione

Non importa cosa trovi sotto l’albero, ma chi trovi intorno.

Stephen Littleword


Covid: un Natale più atteso che mai

Con una pandemia in corso, non è semplice immaginare come sarà il futuro. In primavera, non sapevamo quali sarebbero stati i risvolti per l’estate, non potevamo sapere se saremmo riusciti a prenotare le vacanze oppure no. Oggi, che la seconda ondata di Coronavirus è tristemente diventata realtà, non abbiamo nemmeno la certezza di poter trascorrere il Natale in famiglia. Eppure, proprio quest’anno il Natale rappresenta per molti un’occasione per dimenticare il terribile momento che stiamo vivendo, un modo per rilassarsi e allontanare le preoccupazioni.

Un Natale 2020 diverso, ma pur sempre speciale

Oltre ai regali, ai bicchieri di spumante condivisi in famiglia, ai cenoni, il Natale ha sempre rappresentato un momento di unione, da trascorrere con la famiglia, stretti in un unico abbraccio: proprio ciò che ora non possiamo permetterci. Quest’anno il Natale sarà diverso, ma la magia natalizia rimarrà sempre la stessa. È importante approfittare delle festività per rilassarsi, mettere da parte le angosce che quotidianamente ci affliggono, ricordarsi di sorridere e far felici le persone che ci vogliono bene, anche se per il momento non raggiungibili.

Lontani, ma pur sempre vicini

A cosa somiglierà il Natale 2020? Un nuovo lock-down ci obbligherà a restare a casa? Oppure il coprifuoco verrà esteso per tutto il mese di dicembre? Il segreto è non perdersi d’animo e dare sfogo alla fantasia: non si può festeggiare il Natale come abbiamo sempre fatto? Nessun problema, troveremo un modo alternativo per farlo. Meglio evitare grandi tavolate, le feste di Natale potrebbero presto trasformarsi in un incubo. Perché non invitare i propri familiari, anche quelli meno pratici con la tecnologia, a condividere una video-chiamata di gruppo, o, per i più audaci, un’intera cena natalizia a distanza. Certo, dal vivo sarebbe sicuramente meglio, ma ciò che conta è non perdersi d’animo e trascorrere del tempo assieme.

Natate in famiglia

Covid o no, il Natale è un momento particolare dell’anno da trascorrere in famiglia, con i propri affetti. Quest’anno, siamo chiamati ad essere più responsabili, a proteggerci e proteggere i nostri cari, quelli più deboli in primis, il Natale non ci autorizza a dimenticare il distanziamento sociale, le regole di igiene, anzi è proprio durante questo periodo così importante che la nostra attenzione deve essere maggiore.


Focus della redazione - L’importanza degli affetti

In tutte le culture, la famiglia ha un’importanza di primo piano. Che si tratti di consanguinei o della famiglia che ci siamo scelti. Il Natale è tradizionalmente un momento che rafforza i legami familiari, un momento per celebrare l’amore e l’unione. Il Natale è l’occasione per chi, per motivi di lavoro, ha poco tempo da dedicare ai propri cari. 

La volontà di riunirsi è un modo per rafforzare il nostro sentimento di appartenenza ad un gruppo, essenziale in una società così individualista e competitiva. La famiglia resta un punto di riferimento, ed è per questo che, soprattutto quest’anno, sentiamo il bisogno di doverla festeggiare.



Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!