Perché è importante festeggiare il Natale in periodo di Covid?

L’anno scorso ci siamo abbiamo mangiato e bevuto, ci siamo fatti piacere la torta preparata dalla classica zia che non sopportiamo, abbiamo discusso, riso, ci siamo abbracciati… Insomma, un Natale come tutti gli altri, regali, albero, luci e ghirlande colorate, incredibile pensare quanto tutto possa essere così diverso da un anno all’altro. Ciò che un anno fa era del tutto normale, oggi diventa impossibile, o addirittura pericoloso. Ora come ora, difficile capire se potremmo festeggiare il Natale con la nostra famiglia, non ci resta altro da fare che sperare!

Sommario:

Citazione

Non importa cosa trovi sotto l’albero, ma chi trovi intorno.

Stephen Littleword


Covid: un Natale più atteso che mai

Con una pandemia in corso, non è semplice immaginare come sarà il futuro. In primavera, non sapevamo quali sarebbero stati i risvolti per l’estate, non potevamo sapere se saremmo riusciti a prenotare le vacanze oppure no. Oggi, che la seconda ondata di Coronavirus è tristemente diventata realtà, non abbiamo nemmeno la certezza di poter trascorrere il Natale in famiglia. Eppure, proprio quest’anno il Natale rappresenta per molti un’occasione per dimenticare il terribile momento che stiamo vivendo, un modo per rilassarsi e allontanare le preoccupazioni.

Un Natale 2020 diverso, ma pur sempre speciale

Oltre ai regali, ai bicchieri di spumante condivisi in famiglia, ai cenoni, il Natale ha sempre rappresentato un momento di unione, da trascorrere con la famiglia, stretti in un unico abbraccio: proprio ciò che ora non possiamo permetterci. Quest’anno il Natale sarà diverso, ma la magia natalizia rimarrà sempre la stessa. È importante approfittare delle festività per rilassarsi, mettere da parte le angosce che quotidianamente ci affliggono, ricordarsi di sorridere e far felici le persone che ci vogliono bene, anche se per il momento non raggiungibili.

Lontani, ma pur sempre vicini

A cosa somiglierà il Natale 2020? Un nuovo lock-down ci obbligherà a restare a casa? Oppure il coprifuoco verrà esteso per tutto il mese di dicembre? Il segreto è non perdersi d’animo e dare sfogo alla fantasia: non si può festeggiare il Natale come abbiamo sempre fatto? Nessun problema, troveremo un modo alternativo per farlo. Meglio evitare grandi tavolate, le feste di Natale potrebbero presto trasformarsi in un incubo. Perché non invitare i propri familiari, anche quelli meno pratici con la tecnologia, a condividere una video-chiamata di gruppo, o, per i più audaci, un’intera cena natalizia a distanza. Certo, dal vivo sarebbe sicuramente meglio, ma ciò che conta è non perdersi d’animo e trascorrere del tempo assieme.

Natate in famiglia

Covid o no, il Natale è un momento particolare dell’anno da trascorrere in famiglia, con i propri affetti. Quest’anno, siamo chiamati ad essere più responsabili, a proteggerci e proteggere i nostri cari, quelli più deboli in primis, il Natale non ci autorizza a dimenticare il distanziamento sociale, le regole di igiene, anzi è proprio durante questo periodo così importante che la nostra attenzione deve essere maggiore.


Focus della redazione - L’importanza degli affetti

In tutte le culture, la famiglia ha un’importanza di primo piano. Che si tratti di consanguinei o della famiglia che ci siamo scelti. Il Natale è tradizionalmente un momento che rafforza i legami familiari, un momento per celebrare l’amore e l’unione. Il Natale è l’occasione per chi, per motivi di lavoro, ha poco tempo da dedicare ai propri cari. 

La volontà di riunirsi è un modo per rafforzare il nostro sentimento di appartenenza ad un gruppo, essenziale in una società così individualista e competitiva. La famiglia resta un punto di riferimento, ed è per questo che, soprattutto quest’anno, sentiamo il bisogno di doverla festeggiare.



Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articolo suggerito da
La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Educazione positiva: 7 principi da tenere a mente!

“Non fare questo, non fare quello”, con l’educazione positiva dimentichiamo tutte le ...

Leggi

Cos’è l’angoscia da separazione e come calmarla?

Fino ad un attimo fa mio figlio passava di braccia in braccia senza fare storie e sop...

Leggi

La comunicazione non violenta con il metodo OSDB

Molti di noi ancora non si rendono conto che possiamo essere violenti con le parole o...

Leggi

5 consigli per rilassarsi davvero durante le vacanze

Le vacanze sono senza dubbio il periodo dell’anno che aspetto con maggiore impazienza...

Leggi

Non voglio separarmi da mio figlio… e va bene così!

Nella vita ci sono tante cose che non mi piace fare… Tra queste c’è sicuramente lasci...

Leggi

Quali sono i sintomi di un burn-out in amore?

Mi dispiace dirtelo, ma esiste anche il burn-out emotivo o sentimentale! Un burn-out ...

Leggi

Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

Da bambino, tutto è un pretesto per versare una lacrimuccia. Gestire le emozioni è un...

Leggi

È necessario confessare anche una (piccola) infedeltà?

Eh sì, l’infedeltà è un argomento spinoso. Assecondando il tuo desiderio, hai ceduto ...

Leggi

Malessere al lavoro: le 5 cause principali

Il lavoro è una priorità per la maggior parte di noi, tanto che a volte siamo pronti ...

Leggi

Non mi sento più desiderata, come far salire la temperatura?

Finalmente è estate e le temperature salgono… all’esterno! Perché dentro casa, purtro...

Leggi

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!