Come annunciare l’arrivo di un secondo figlio al primogenito?

Aggiornato il da Ginevra Bodano

L’avventura ricomincia! Ci siamo, avete deciso di ingrandire la famiglia, che bello! Non hai neanche il tempo di metabolizzare la notizia che subito insorgono diverse emozioni come la felicità, l’eccitazione, l’apprensione, il senso di colpa. Come reagirà il primogenito? È una domanda da porsi, perché spesso un semplice “arriverà un fratellino o una sorellina” non basta. Non è così facile, ma una cosa è certa: l’amore si moltiplica! Ora devi solo rendere chiaro il messaggio!

Come annunciare l’arrivo di un secondo figlio al primogenito?

Preparare il proprio figlio all’arrivo di una sorellina o di un fratellino

Diciamolo chiaramente: la nostra paura è la gelosia. È proprio questo sentimento quello che ci spaventa di più nel momento in cui dobbiamo annunciare l’arrivo di un altro figlio. E se la gelosia causasse nel primogenito la paura di essere abbandonato? La cosa importante è impegnarsi al massimo per farlo sentire rassicurato, e per fare ciò esistono alcuni trucchetti.

Vedi anche - Piangere davanti ai propri figli: segno di debolezza o lezione di vita?

1)Crea un legame

Se hai deciso di annunciare la gravidanza dopo il terzo mese, aspetta che il tuo ventre incominci ad essere rotondeggiante per poter parlare in modo più concreto. Fagli toccare il ventre in modo che possa sentire il piccolo che scalcia, cerca di coinvolgerlo chiedendogli se vuole parlargli e magari approfittane per parlare un po’ del passato, raccontandogli di quando anche lui si trovava là dentro, parlando della sua nascita, etc. Questo è un ottimo modo per creare un legame fraterno, partendo dalle cose che hanno in comune.

2)Realizza una linea temporale

Difficile per un bambino riuscire a proiettarsi nel tempo, quindi l’impazienza può diventare un peso. Per aiutarlo, puoi creare insieme a lui una linea temporale. Circa due mesi prima della presunta data del parto, crea una sorta di calendario, precisando le settimane e i giorni. Poi, segna nel calendario gli avvenimenti più importanti, come i compleanni, le visite dai nonni, il cambio di stagione, ma anche quelli abituali come per esempio i weekend, le attività. Infine, poni questo calendario in un punto raggiungibile anche per tuo figlio, in modo che possa segnare o colorare i giorni che passano e che lo separano dall’arrivo del nascituro.

3)Fagli scegliere un pupazzo

Come fare in modo che il piccolo di casa inizi a sentirsi grande? Dandogli una grandissima responsabilità, ovvero quella di scegliere il primo pupazzo del futuro fratellino o sorellina. Sicuramente sa già quanto un pupazzo sia importante, quindi sarà fiero di prendere parte a questa decisione e di avere l’ultima parola al riguardo. Puoi anche proporgli di rovistare tra i suoi vecchi giocattoli e scegliere quali vorrebbe dare al suo futuro fratellino o sorellina. Ancora una volta, si sentirà valorizzato nella sua posizione di (futuro) fratello o sorella maggiore.

4)Spiegagli il parto

Per evitare le preoccupazioni legate al giorno del parto, prepara tuo figlio cercando di spiegargli in modo semplice di cosa si tratta. Digli che è normale se ti vedrà avere mal di pancia poche ora prima dell’arrivo del nascituro, parlagli della maternità ma evita il termine ospedale per non spaventarlo. Non dimenticare di dirgli che sarai assente per qualche giorno, che sarai stanca e avrai bisogno di riposare, che tornerai con il piccolo dopo qualche giorno ma che potrà venire a salutarvi già da prima. Infine, preparalo psicologicamente dicendogli che durante il parto saranno i nonni o magari degli amici ad occuparsi di lui.

5)Preparate una festa di benvenuto

L’idea è che, con l’aiuto del papà, il piccolo prepari una festa di benvenuto per il nascituro e per il ritorno della mamma. Ghirlande, palloncini, disegni, una torta, etc. Il bambino sarà felice di condividere un momento di complicità con il papà, si sentirà utile e, inoltre, si preparerà all’arrivo del fratellino o della sorellina.

La redazione ti consiglia - Come spartirsi il carico mentale domestico?

6)Fagli un regalo da parte della sorellina o del fratellino

E perché il nascituro non dovrebbe poter fare un regalo al fratellone o alla sorellona? Anche questo è un modo per fargli capire che il suo posto all’interno della famiglia non gli viene portato via, che non verrà dimenticato e che la fratellanza si costruisce a piccoli passi!

7)Scegli dei libri da leggere insieme

Non c’è niente di meglio di un libro per parlare di alcune tematiche in modo semplice e divertente. La letteratura per ragazzi è piena di risorse e può essere una preziosa alleata per spiegare la gravidanza e per permettere a tuo figlio di capire l’importanza del suo ruolo. Ecco la nostra selezione:

La lettura è l’attività ideale per condividere un momento di complicità insieme, cercando comunque di rendere più chiaro il messaggio!

E perché non proporgli un pomeriggio da dedicare alla visione del film d’animazione DreamWorks Baby Boss? Questo è il cartone perfetto per parlare di una tematica delicata come l’arrivo di un nuovo bimbo e della rivalità tra fratelli.


Il consiglio della redazione: abbiamo tutti bisogno di consigli

Ora conosci tutti i segreti per fare in modo che l’arrivo del nascituro venga vissuto nel modo migliore possibile! Mi raccomando, se senti che qualcosa non va e che hai bisogno di una mano, non esitare a contattare un professionista.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora!
#BornToBeMe

Consulta uno psicologo

Potrebbe interessarti:

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!