L’innocenza: il segreto della felicità?

Pensiamo spesso con nostalgia alla nostra infanzia, quell’età spensierata e senza preoccupazioni! È stato senza dubbio il periodo più sereno della mia vita. E se fosse proprio ritrovare l’innocenza dell’infanzia il segreto della felicità? Quante volte ti sei detta che avresti volentieri dimenticato i problemi per ritrovare la leggerezza e la spensieratezza di quando eri piccola? Scopri come l’innocenza potrebbe essere la strada verso la felicità!

 
 Sommario

L’innocenza: un super-potere dimenticato

A volte mi capita di sentire dei bambini giocare o parlare. Sono fermamente convinta che i bambini siano molto più felici di noi adulti. Lo conferma anche Franck Martin nel suo libro « Les super-pouvoirs de l’innoncence » (I super-poteri dell’innocenza), che si interroga sui benefici dell’innocenza come « forma di meraviglia perpetua e di libertà». Diciamo che si tratta di una ricetta di felicità che purtroppo dimentichiamo crescendo.

Sbarazzarsi dei pregiudizi

Quando se ne parla, si fa sempre fatica a pensare che possa davvero essere il segreto della felicità. Pensaci bene, se qualcuno ti dice di un adulto che è molto innocente, penseresti subito ad una persona ingenua, addirittura incosciente. In realtà, dovremmo rivalutare l’innocenza visto che è un modo per sbarazzarsi dei pregiudizi e di ritrovare fiducia, spontaneità e curiosità. Ecco perché l’innocenza è un biglietto prioritario per la felicità.

Vivere il presente

Ciò che ci distingue dai bambini è che questi ultimi non hanno ancora cominciato a pensare : « non ce la farò », « non mi piacerà », « non mi va di vedere quelle persone », ecc. Così come non conoscono lotte interne o paure come la paura dello sguardo altrui.

Certo, da piccoli ci si meraviglia per tutto. Da adulti, siamo impregnati delle nostre esperienze, convinzioni e opinioni. L’innocenza ci permette di essere guidati dal piacere e l’entusiasmo, di scoprire senza avere pregiudizi. Vivere qui e ora, un vera e propria filosofia del « lasciar correre ».

Il bisogno di essere socialmente accettati

Una volta la mia vicina, che conosco abbastanza bene, non mi ha salutata. Il mio primo pensiero è stato che dovevo aver fatto qualcosa di sbagliato. Ho passato un bel po’ di tempo a dire il vero a fare varie ipotesi senza capo né coda, per poi scoprire semplicemente che non mi aveva sentito perché era persa trai i suoi pensieri.

Franck Martin spiega che si tratta della «malattia del ragionamento». La applichiamo per proteggerci dal rifiuto, dalla sofferenza e dalla paura dell’abbandono. Solo che fare ragionamenti senza fondamento non ci aiuterà a stare meglio. Perdiamo troppo tempo a ragionare sugli avvenimenti e su ciò che ci circonda e questo ci fa perdere la spontaneità.

Come ritrovare l’innocenza?

Non è semplice ritrovare leggerezza ed entusiasmo quando ci sentiamo appesantiti dalle responsabilità della vita adulta. Allo stesso tempo, ritrovare l’innocenza non significa diventare immaturi o irresponsabili. Si può essere adulti mantenendo la mente aperta e la leggerezza che ci fa bene all’anima. Per riuscirci, bisognerebbe però liberarsi di tutto quello che ci hanno insegnato.

Per non riprodurre questo schema negativo con i nostri figli la pedagogia Montessori aiuta i bambini a crescere e svilupparsi mantenendo calma e bontà.

Ritrovare il bambino dentro di noi

Ritrovare il bambino dentro di noi non ha niente a che vedere con la sindrome di Peter Pan. Bisogna riconquistare tutte le qualità dei bambini: fiducia, spontaneità, creatività, divertimento ecc. Vivere il presente e dimenticare le paure sono il nostro lasciapassare per l’innocenza. Quest’ultima ci impedirà di paragonarci agli altri e ci aiuterà ad adottare il pensiero positivo.

Grazie a queste qualità si raggiunge la felicità, abbandonando i vecchi insegnamenti.


Il consiglio della redazione: è tempo di comportarsi diversamente

Senti anche tu il bisogno di ritrovare un po’ di innocenza, leggerezza e spontaneità? Contatta un coach per mettere in atto grazie a lui un nuovo comportamento, un nuovo modo di pensare che restituirà la felicità alle tue giornate.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



Fonte: mammachelibro.com

Articolo suggerito da
La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il cervello rettiliano è responsabile dei nostri comportamenti primari?

“Avrei voglia di qualcosa di dolce, di zucchero… il cervello rettiliano mi sta mandan...

Leggi

Perché ci piace avere paura? È colpa degli ormoni!

Inventare storie di fantasmi, ascoltare orribili leggende, cercare di parlare con gli...

Leggi

Come evitare di trasformare la rabbia in violenza?

Il confine tra rabbia e violenza è sottile e a volte basta davvero poco perché la rab...

Leggi

La logoterapia: dare un senso alla propria vita

La fine di una storia d’amore, un lutto, un licenziamento… A volte la vita ci mette a...

Leggi

Quali sono le 6 emozioni primarie? Paura, gioia e…

Le emozioni, che universo misterioso! Insegniamo ai bambini a riconoscerle, agli adul...

Leggi

Mi annoio in ufficio… Soffro di sindrome da bore-out?

Più passano i giorni, più cerco di ammazzare il tempo al lavoro. Per alcuni potrebbe ...

Leggi

5 buone ragioni di ascoltare le proprie emozioni sul lavoro

Le emozioni non sono un freno al successo. Al contrario, possono essere un incredibil...

Leggi

I benefici della noia, o l’arte del dolce far niente

“L’ozio è il padre di tutti i vizi”, sei d’accordo? In ogni caso, il mondo corre a mi...

Leggi

La mitomania: mentire per valorizzarsi

Se pensi che Pinocchio gli fa un baffo, sei di fronte ad un mitomane! Non hai mai dub...

Leggi

Perché mentiamo? Siamo tutte un po’ bugiarde!

Parliamoci chiaro, siamo tutte un po’ bugiarde! Chi non hai mai mentito scagli la pri...

Leggi

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!