Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

L’io, l’Es e il Super-io: la rivoluzione di Freud

Se hai ancora qualche vago ricordo delle lezioni di filosofia, Cartesio diceva: “Penso, quindi sono”, cosa che implica che sono un essere dotato di coscienza e che sono molto diverso da un oggetto appoggiato su una mensola. La mia coscienza mi permette di immaginare il futuro, di sentire, di agire, di rappresentarmi. Nel 1923 Freud introduce l’idea che l’uomo non è solo coscienza, ma che ha in lui tre istanze che reggono i suoi comportamenti: L’Io, l’Es e il Super-Io.

Effettivamente, ci sarebbe la nostra superficie, ovvero la coscienza, e l’interno, ovvero la psiche. 🧠 C’è quello che controlliamo e i nostri sogni, i lapsus che sono fuori dal nostro controllo e che la dicono lunga su di noi.

Qual è la differenza tra l’Io e il Super-io?

È molto semplice: immagina di essere 3 persone in una. C’è colui che pensa, colui che fa l’amore e colui che punisce.

  • Cominciamo dall’Es. Si tratta della parte più bruta che ci abita, quella delle pulsioni, del desiderio. Il suo unico obbiettivo è trovare soddisfazione al desiderio. È la passione che l’Io cerca di razionalizzare anche se, secondo Freud, “L’Es non conosce e non sopporta la contraddizione”.
  • Il Super-io può essere rappresentato come un giudice, ma potrebbe anche essere un genitore severo o un poliziotto zelante. Il Super-io è colui che ci vieta, ci punisce, è la morale di cui l’Io è obbligato a tenere conto. Immaginati il Super-io come la vocina che mormora: “non vali niente”, “non avresti dovuto farlo”, “non si può” ecc.
  • E poi, c’è l’Io, la coscienza, il mediatore. È la nostra parte equilibrata tra l’Es e i suoi desideri, il Super-io e la sua severità e il mondo esterno. Non è facile!

👉 Secondo Freud, la lotta tra queste forze, ovvero l’Io, l’Es e il Super-io, è la pulsione della vita, o meglio la vita stessa. L’immobilismo al contrario, è la pulsione della morte: quindi viva la difficoltà, la contraddizione, l’ansia, il fallimento, il dubbio… è la così che va la vita!

E se il Super-io diventa troppo forte?

Se il Super-io è un giudice, il giudice non ha sempre una buona immagine: è un protettore o un dittatore? Il Super-io non è né buono, né cattivo, è semplicemente la nostra legge interna. Il Super-io non è innato, si costruisce durante l’infanzia e nel corso del tempo. I divieti che ci vengono imposti sono integrati e interiorizzati. Sappiamo in questo modo che non si deve rubare, che non si parla con la bocca piena, che non si usa la violenza fisica con gli altri. E poi ci sono i divieti universali o culturali: il cannibalismo, l’incesto, il sesso prima del matrimonio, la nudità ecc. Tutti questi divieti creati dal nostro entourage o acquisiti in seguito alle nostre esperienze ci permettono di costruire il Super-io e anche rendere possibile la vita in società.

👉 Quindi, la mancanza del Super-Io può, per esempio, condurre a commettere atti nefasti. Ma allo stesso tempo, un Super-Io troppo forte può diventare tirannico. Al di là del tiranno, un Super-io potente ci spinge a diventare il nostro stesso boia e creare un senso di colpa , disprezzo di sé, ansia, ossessioni…

Avere paura di cedere al proprio Es, significa reprimere i propri desideri, quindi imporsi inconsciamente dei divieti e rendere più severo il Super-io.

Un alleato stimolante

Ma il Super-io è anche quello che ci impone un modello da raggiungere. È un idealista che ci dà un obbiettivo, un progetto di vita e che ci sostiene per spingerci a superarci. Il problema è che il Super-io ha tendenza a non sopportare il fallimento. Bisogna quindi far evolvere il Super-io perché faccia un passo indietro e diventi più protettore.

Far evolvere il Super-io è proprio l’obbiettivo della psicanalisi, che aiuta a spostare o annullare i divieti fissati da questo moralista interno. Fortunatamente, il Super-io è capace di cambiare e modificarsi in funzione delle nuove esperienze. Così, i divieti nocivi fissati da una famiglia tossica possono farci sentire in colpa, ma possiamo trovare nuovi limiti meno distruttori grazie a un altro modello che ammiriamo: un’amica, un professore, una zia, un partner. Se evoluiamo, il nostro Super-io può anche evolvere e questa è una bella notizia!

👉 Cos'è la psicanalisi? Quando cominciare?

Il consiglio della redazione: un Super-io da far evolvere

L’avrai capito, un Super-io troppo debole o troppo forte genera seri problemi. È quindi fondamentale rimodellarlo per poter esprimere tutto il nostro potenziale e sentirci meglio nella vita di tutti i giorni. Questo lavoro non è possibile da fare da soli, è bene farsi accompagnare da un professionista in varie sedute. Se senti che qualcosa non va o ti impedisce di raggiungere la felicità, non esitare a prendere appuntamento con uno psicologo.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felice… Qui e ora!
 #BornToBeMe



Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Dipendenza affettiva

Sicuramente hai già sentito parlare della dipendenza affettiva. Pensi di esserne affetta o che un tuo caro lo sia? Come distinguere l’amore e la dipendenza affettiva? Come uscirne? Scopriamolo insieme!

Come annunciare l’arrivo di un secondo figlio al primogenito?

L’avventura ricomincia! Ci siamo, avete deciso di ingrandire la famiglia, che bello! Non hai neanche il tempo di metabolizzare la notizia che subito insorgono diverse emozioni come la felicità, l’eccitazione, l’apprensione, il senso di colpa. Come reagirà il primogenito? È una domanda da porsi, perché spesso un semplice “arriverà un fratellino o una sorellina” non basta. Non è così facile, ma una cosa è certa: l’amore si moltiplica! Ora devi solo rendere chiaro il messaggio!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Perché ho costantemente bisogno di attenzioni?

Anche tu hai la spiacevole tendenza a fare di tutto un dramma affinché gli altri si prendano cura di te? Non smetti mai di pretendere la loro attenzione, a qualunque costo? Se la risposta è si, fai sicuramente parte di quelle persone che vivono per attirare l’attenzione degli altri. A lavoro, tra amici o sui social, devi sempre essere il centro dell’universo. E nonostante questo comportamento eccessivo spesso e volentieri non ti faccia star bene, è più forte di te! Ma da cosa deriva? Come porvi rimedio prima che sia troppo tardi?

Vorrei che i miei genitori fossero fieri di me, perché ho così tanto bisogno della loro approvazione?

Ho più di 30 anni ma provo sempre la stessa felicità nell’annunciare un mio successo a mio padre. So che mi rende felice farlo, soprattutto da quando la mamma ci ha lasciati. Però, allo stesso tempo, mi chiedo sempre: perché ho bisogno di sapere che mio padre è fiero di me? Perché, in generale, abbiamo bisogno dell’approvazione dei nostri genitori? Renderli felici è una cosa, ma è bene farsi delle domande se la loro approvazione occupa un posto troppo importante nella nostra vita.

Essere proattivi: cosa vuol dire? Come diventarlo?

A volte mi sembra di essere totalmente proattivo, altre volte molto meno. So che è un comportamento che può apportarmi molto, soprattutto in ambito professionale. Ma cosa significa esattamente essere proattivi? Perché è un bene esserlo dal punto di vista professionale? Scopriamolo insieme!

Sono una persona tossica? 10 modi per scoprirlo

In amore, in amicizia, sul lavoro, in famiglia… Credo che tutte prima o poi abbiamo avuto a che fare con una persona tossica. Ma a volte dovremmo porci a nostra volta la domanda: “sono una persona tossica?” o lo sono stata in qualche occasione con qualcuno? A volte capita di non rendersi conto del proprio comportamento! Ecco perché è importante fare un passo indietro in certe situazioni e farsi delle domande in modo tale da auto esaminarsi ed essere sempre la migliore versione di noi stessi. Solo per te un piccolo test per sapere se sei una persona tossica o no!

Positivià tossica: mi impongo di stare bene... e non va bene!

L’ottimismo è una bella cosa. “Andrà tutto bene”, “sii forte”, “tutto tornerà alla normalità”. Te lo sei detto e ridetto e te lo hanno ripetuto anche gli altri, ma se da un lato questa attitudine positiva è una cosa buona, dall’altro alle volte può diventare tossica. Quando ci impediamo ad ogni costo di stare male, la mente rischia di soffrirne profondamente.

Ho dei dubbi sulla mia relazione, è normale? Come reagire?

Succede spesso. La vita di coppia e l'amore non sono mai una passeggiata: succede, naturalmente, che alle volte sorgano dei dubbi. Non essere più sulla stessa lunghezza d'onda, avere l'impressione che l'erba sia più verde altrove, avere progetti diversi...Travolto dal peso dei dubbi, l'amore perde il suo splendore. È una situazione irrimediabile? No, l'importante è sapere come reagire.

La mia relazione non mi rende felice, come fare?

La magia dell’inizio di una relazione e le farfalle nello stomaco sono volate via. Stare insieme significa avere un partner per la vita, qualcuno che ti sta accanto, ma alle volte ci si sente infelici e incomprese. Quando la tua metà ti fa più piangere che ridere, è assolutamente legittimo mettere in dubbio la relazione stessa. Ma prima di lasciar perdere del tutto, sappi che esistono delle soluzioni. Non sono felice nella mia relazione, come fare? Vediamolo insieme.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!