Dispnea: come affrontare l’affanno

Aggiornato il da Ginevra Bodano

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Dispnea: come affrontare l’affanno
 
 Sommario

La dispnea indica la difficoltà nella respirazione, nell’ispirare ed espirare profondamente, ed è comunemente nota con il termine "affanno". Avere simili difficoltà può capitare a chiunque per diversi motivi, ma nei casi in cui questo disturbo diventi cronico o crei forti disagi, è necessario comprenderne le vere cause per poter agire e porvi rimedio.

Dispnea: che cos’è e come si manifesta?

L’American Thoracic Society l’ha definita come "Un'esperienza soggettiva di disagio nel respiro che consiste in sensazioni qualitativamente distinte che variano di intensità". La dispnea si manifesta come un forte affanno, una grave difficoltà respiratoria e un aumento della frequenza respiratoria che provoca il cosiddetto "fiato corto". Riscontrando questa difficoltà, il soggetto affetto da dispnea inizia a soffrire di questa “fame d’aria” e questo può portare verso un attacco di panico.

Quali sono le cause dell'affanno?

Come detto in precedenza, avere il respiro corto è del tutto normale dopo o durante un’attività fisica. I sospetti devono sorgere nel momento in cui questa sensazione di affanno e difficoltà si presenta senza motivo, perché potrebbe celare altri disturbi, come quelli a danno del sistema cardio-respiratorio. Tuttavia, la dispnea può avere anche cause neoplastiche (come tumori) o psicologiche (come i disturbi d’ansia e gli attacchi di panico), ma le più frequenti sono solitamente quelle di tipo polmonare o cardiaco. La dispnea può presentarsi in forma acuta (quando si manifesta come un attacco di affanno improvviso) o cronica (che di solito è il sintomo più comune di malattie respiratorie croniche come asma o bronchiti). Tra le varie possibili cause di dispnea troviamo: insufficienza cardiaca, bronchite, asma, pneumotorace, polmonite, embolia polmonare etc.

Esiste anche la dispnea notturna, una particolare forma di dispnea che colpisce soggetti affetti da cardiopatie e che si manifesta durante il sonno, costringendo chi ne soffre a risvegli bruschi con necessità di sollevare il busto per riequilibrare la respirazione.

La redazione ti consiglia: Quali sono i benefici della coerenza cardiaca?

ragazza con asma

Quali sono i sintomi e i rischi?

Tutte le persone con patologie cardiache, vascolari, polmonari, ematologiche o muscolari corrono il rischio di soffrire di dispnea. Tuttavia, tra i fattori di rischio giocano un ruolo importante anche l'età e il vizio del fumo, nonché una vita sedentaria, l'obesità, il diabete, l'ipertensione e la menopausa, ovvero tutti i fattori che contribuiscono all'invecchiamento cardiaco.

I disturbi d'ansia e la dispnea

Nei casi di dispnea acuta, quando non sussistono danni all’apparato respiratorio, cardiocircolatorio o al sistema neuromuscolare, è probabile che la causa scatenante sia di natura psicologica, come problemi d’ansia, attacchi di panico o addirittura depressione. Anche in questo caso è necessario rivolgersi a uno specialista per poter stare meglio ma, nel frattempo, ecco qualche suggerimento per cercare di eliminare l’affanno:

  • Respirare con il diaframma
  • Respirare con le labbra socchiuse
  • Assumere una posizione comoda
  • Usare un dilatatore nasale


Il consiglio della redazione - Evita la diagnosi fai-da-te

La dispnea può dunque essere un campanello d’allarme per diverse patologie, ed è per questo motivo che è importante non limitarsi a semplici accorgimenti fai-da-te se il disturbo persiste o se inizia a gravare sulla tua vita; in tal caso, è necessario rivolgersi ad uno specialista per comprenderne la causa scatenante e agire tempestivamente e nel migliore dei modi. Non esiste un farmaco specifico perché la cura viene decisa una volta determinata la causa; spesso vengono consigliati farmaci, broncodilatatori o antibiotici, ma è solo con una visita specialistica che si potrà definire la cura più adatta.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe



*Fonti:

 Istituto auxologico italiano - Affanno, "fame d'aria": parliamo di dispnea

 Wikipedia: Dispnea

Articolo suggerito da Ginevra Bodano

Giovane donna sensibile ed empatica, cerco di conquistare il mondo armata del mio corpo minuto e del mio animo grande. L’unico modo che conosco per riuscire ad esprimere ciò che provo è la scrittura, insieme al canto, il disegno, la fotografia, la danza, il teatro… Beh, lo ammetto, non è l’unico, ma...

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

10 esercizi per imparare a mollare la presa

Lo stress, le preoccupazioni, il senso di colpa… Sono tante le emozioni negative che affliggono la nostra quotidianità. Ci sentiamo dire sempre le stesse cose: “Dai troppo peso alle cose”, o ancora, “Non ci pensare!”…magari fosse così facile! Per aiutarti, ecco 10 esercizi per imparare a mollare la presa e sentirti subito meglio!

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!