Le 10 cause più frequenti di divorzio

Aggiornato il da La Redazione Wengood

L'amore dura tre anni, quasi un matrimonio su due non supera i 9 anni... Pertanto, se vuoi goderti la tua dolce metà più a lungo possibile, è vivamente consigliato che tu faccia del tuo meglio! Anche lui/lei dovrà farlo, ovviamente. Quando non è la routine che incombe sulla longevità della coppia, ci pensa la suocera ad invadere la nostra casa e le nostre vite. E di infedeltà, non conviene nemmeno parlare. Ma ricorda, i problemi sono dietro l’angolo ed ho elencato tutto ciò che può provocare la separazione di una coppia proprio per non farti mai abbassare la guardia. Ecco la top 10 delle cause più frequenti e comuni di divorzio!

Sommario : 

Quando ho visto la fattura del mio matrimonio, ho pregato molto affinché durasse nel tempo. E anche non considerando l'investimento in termini economici, preferivo comunque aver scommesso sul cavallo vincente. “C’è tempo per capire se si tratta di amore eterno, ma almeno fa che il mio matrimonio non sia un cocente fallimento!” sono queste le preghiere che molti neosposi rivolgono al cielo. Alcuni dicono che a volte è la vita che decide il corso degli eventi. Io dico che non siamo qui per attendere passivamente la nostra sorte! Donne (e uomini, se siete là!) sposate/i, ecco tutti gli ostacoli che dovrete sormontare insieme.


Citazione

"Cosa amavo di più del mio ex marito? Sua moglie."


Divorzio: ecco la top 10 delle cause più frequenti

1) Che brutta bestia l’infedeltà!

Se desideri porre fine alla tua relazione, questa è la prima cosa che devi fare. Che si tratti di un errore di una sera, della serie «avevo bevuto troppo e mi sentivo solo/a» o di una doppia vita alla dottor Jekyll e mr. Hide, tradire il partner è di gran lunga il motivo per cui una coppia divorzia, o si separa se non esiste un vero e proprio contratto matrimoniale. Perdonare è bello, ma non ripaga minimamente le sedute di terapia di coppia per ritrovare la fiducia.  Ne vale veramente la pena? Forse è meglio mollare la presa


Lo sapevi?

L'adulterio è precisamente responsabile del 33% dei divorzi. A quando la commercializzazione della cintura di castità?


2) Comportamenti ossessivo-compulsivi: possessività, violenza...

Al secondo posto con una percentuale intorno al 14%, si deplorano i comportamenti ossessivo-compulsivi: gelosia eccessiva, tendenza alla possessività, violenza verbale o fisica, i partner “tossici” sanno di cosa sto parlando! Purtroppo, oltrepassare i limiti del decoro è la soluzione più facile e immediata per risolvere i propri dissidi interiori: fidarsi dell’altro/a rispettando il suo spazio vitale e la sua persona è una scelta difficile che non porta i suoi frutti nel breve periodo.

La redazione ti consiglia: Coppia: niente in comune, e allora?

3) La mancanza di attenzione o come spegnere la fiamma

Tra il tornare a casa ogni sera con un mazzo di fiori e confondere tua moglie con la pianta del soggiorno, c'è una via di mezzo. Più momenti in due, più sorprese, più attenzioni o gesti affettuosi. Diventare coinquilini non esclude l’intimità di coppia, è ben saperlo. Tutte le donne normodotate amano sentirsi Beyoncé importanti. Se vuoi che la tua coppia duri, devi tenere viva la fiamma della passione.

4) La noia come pane quotidiano

Vivere 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 con la stessa persona può portare alla noia, hai ragione. Ma fortunatamente, come presumo, hai un cervello che funziona. Perciò, aggiungi un pizzico di motivazione e di creatività e il gioco è fatto! Sappi che non ci vuole nient’altro per prendere delle iniziative. Un partner menefreghista che non fa più sforzi per sorprendere l’altro/a è molto meno attraente di quel bel/la ragazzo/a che ti faceva ridere così tanto l’altro giorno.


⚠ Attenzione ⚠

La routine può anche essere una buona cosa per una coppia. Passare il venerdì sera in tuta davanti a Netflix, dopo una settimana intensa, non è poi così male, ammettiamolo. Ma devi far in modo che non diventi un’abitudine meccanica e passiva.


5. Sesso, cosa significava questa strana parola?

Ahi ahi ahi! E qui son dolori! La sfera sessuale non può non essere menzionata. Sì, è vero, col passare degli anni una persona può constatare dei cambiamenti ormonali e un calo inesorabile della propria libido. Io stessa sono una fervente sostenitrice della scusa del mal di testa. Ma fare la stella marina, immobile sul fondale, ogni sera non è piacevole per nessuno. A meno che tu non abbia una relazione platonica, non devi dimenticare che il sesso è il cemento di una coppia. Avere una buona comunicazione ti permetterà di passare delle belle serate, e di sfuggire al divorzio.


Le cifre parlano da sole

Il 30% delle coppie confessa di non essere soddisfatto del coniuge a letto. Resta da capire se vanno a letto con o senza di lui…


6) Una coppia, due modi di vedere il futuro

" - Dove ti vedi tra 5 anni?
- A fare un road trip in Autralia!
- Io invece in giardino a guardare i nostri figli giocare.
- Ah, buono a sapersi… »

Avere figli, fare carriera, scegliere una casa o il nome del cane... essere sulla stessa lunghezza d'onda del proprio partner è più che importante. Senza un progetto comune, non si va da nessuna parte. Chiedete al 15% delle coppie che hanno divorziato solo perché erano in perenne disaccordo sui progetti futuri! Ne sentirai delle belle!

7) Negativo al test di compatibilità

Anche un semplice quiz “Tu + me” può essere ricondotto al 10% delle richieste di divorzio. Anche il detto "gli opposti si attraggono" ha i suoi limiti. Immagina ad esempio che uno lavori di giorno mentre l'altro fa turni di notte: l'obiettivo è comunque quello di incontrarsi di tanto in tanto. E quando ciò si verifica, andare possibilmente d'accordo. Perché se sei una persona a cui piace la tranquillità, mentre il tuo coniuge è un'orchestra ambulante, potresti anche sviluppare dei sintomi da burn-out emotivo.

8) L’età conta eccome, e non soltanto quella mentale…

All'inizio, tendiamo a scherzare sulle differenze di età. Quando si tratta di qualcuno di più vecchio di noi, si è soliti sostenere “capisci, è più maturo degli altri” mentre quando si tratta di qualcuno che ha appena finito l'università “l’ho scelto/a perché avevo bisogno di sentirmi più giovane”. Solo che quando quest'ipotetico uomo, all’epoca maturo, diventa calvo e mezzo sordo e la sua giovane fanciulla (è possibile anche il contrario sia chiaro) vuole fare due serate lo stesso giorno, qualcosa potrebbe incepparsi…

9) Problemi economici: più di un semplice conto matematico

Ovviamente, se uno si ammazza di lavoro per guadagnare uno stipendio mentre l'altro lo spende in un tempo record... credo che qualcosa vada rivisto. Il denaro è sempre stato e resterà causa di problemi, anche la coppia più solida, alla lunga, non sopravvive alla disoccupazione o all'indebitamento.

10) La famiglia del coniuge è veramente solo un cliché cinematografico?

Smettiamola di mentirci, gli stereotipi non cadono così dal cielo. Alcuni suoceri (per non parlare direttamente delle suocere) sono molto ficcanaso. Credono che la tua casa sia la loro, e che educheranno i tuoi figli meglio di te. Tenere testa alla famiglia del tuo partner non è mai così facile, soprattutto se il nostro coniuge non ci sostiene nella causa. Allora calmati con i legami di sangue, perché se lui difende sempre sua madre, il principe Azzurro tornerà presto a vivere con lei!


Il consiglio della redazione: turbolenze in vista!

Un divorzio non è mai banale, anche se i vostri rapporti sono ottimi e se si tratta di una separazione consensuale. È una dura prova per gli ex coniugi e i loro ipotetici figli, un vero e proprio trauma. È una nuova vita quella che si offre davanti a voi ma non mancheranno di certo le turbolenze volte a farvi rimettere in discussione. Purtroppo, un periodo di depressione non è del tutto da escludere in questi casi. Pertanto, sentiti libero/a di consultare uno specialista per vivere al meglio questo evento traumatico.


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Cos'è la sindrome di Puffetta al lavoro?

Ah, i Puffi! Tutti conoscono i fumetti di Peyo con i simpatici personaggi blu. Ma se ci pensi, c'è qualcosa di strano: il fatto che ci sia una sola Puffetta per un intero villaggio. Un autore l'ha notato più di 30 anni fa e l'ha usato per parlare della scarsa rappresentazione delle donne. Purtroppo il principio della puffetta può essere riscontrata in molti ambiti, compreso quello lavorativo. Ecco come funziona.

6 consigli per superare la propria timidezza

L'idea di parlare in pubblico, o di parlare con gli sconosciuti, mi mette fuori di me. Divento paonazzo, inizio a tremare, mi si forma un nodo nello stomaco. Odio essere timido, non riuscire a mostrarmi disinvolto, parlare lo stretto necessario e non trovare mai il momento giusto per intervenire. Ecco perché, lavorando su me stesso, ho trovato 6 semplici trucchi per superare e a volte nascondere la mia timidezza.

10 pensieri positivi da tenere a mente per una carica quotidiana

Vedere il bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto, è un pensiero positivo perfetto! I pensieri positivi ci aiutano nella vita di tutti i giorni, dandoci una spinta e motivandoci a realizzare progetti che ci stanno a cuore da tempo. Quindi, per aiutarti nel tuo percorso di realizzazione, ecco 10 pensieri da tenere a mente per accompagnarti sempre e ovunque!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!