Come mettere fine ad un'amicizia?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Se esiste qualcosa di più difficile da gestire rispetto alla fine di un amore... c’è di sicuro la fine di un’amicizia! Quando mi capita di sentirmi a disagio con una persona di cui ero amica non so mai come dire che vorrei tagliare i rapporti... Psicologicamente non è una passeggiata perché da un lato non voglio ferire nessuno, dall’altro non riesco più a fare finta di niente. Come sono arrivata a questo punto? Come chiudere i rapporti in maniera civile? Parliamone insieme!

 
 Sommario

I motivi della separazione

Spesso è la mancanza di comunicazione che porta alla rottura brutale e alla fine di un’amicizia 😣. Se poi aggiungiamo anche i malintesi, il gioco è fatto e la rottura in mille pezzi è servita. Stava per succedermi qualche anno fa con un’amica. Una terza persona si è intromessa tra noi due raccontando varie bugie e mettendoci l’una contro l’altra 😡. Fortunatamente, ce ne siamo rese conto grazie a una buona comunicazione e un’estrema trasparenza.

Se con lei sono riuscita a cavarmela, ci sono amicizie che ho preferito eliminare totalmente dalla mia vita per diverse ragioni 😖...

L’equilibrio dell’amicizia

Un’amicizia è un patto forte tra due persone che si capiscono e si rispettano 🤜🤛. Solo che a volte, con il passare del tempo, ci si rende conto che questo patto non riesce più a stare in piedi da solo... Questo porta necessariamente a una delusione, nei casi più estremi all’allontanamento, a seconda delle circostanze:

  • Quando l’amicizia si spezza: a volte succede che si arriva a un punto in cui non si condivide più lo stesso pensiero. Si possono avere opinioni o uno stile di vita diverso, ma se capita su tutto, si creerà inevitabilmente distanza.
  • Quando l’amicizia è a senso unico: tu sei sempre pronta per gli amici, quando sei tu ad aver bisogno di aiuto, li devi cercare con il binocolo. Come ho già detto, l’amicizia è un contratto in cui entrambi devono impegnarsi e metterci del proprio. La relazione deve essere equilibrata, altrimenti è un’amicizia tossica!
  • Quando la presenza di un amico pesa più della sua assenza: capita infatti di avere a che fare con persone tossiche. Alcune volte non ce ne rendiamo conto subito, altre volte la persona cambia con il passare del tempo. In ogni caso, se sei sollevata all’idea di non incontrare un’ “amica” è un brutto segno.
  • Quando i bisogni cambiano: tante cose cambiano con il passare del tempo e a volte per stare bene abbiamo bisogno di un vero e proprio stravolgimento. Ciò significa che è più che legittimo smettere di frequentare determinate persone con le quali non ci troviamo più.

Come rompere con un’amica?

Se dovesse capitarti uno di questi casi, la prima cosa da fare è prendere le distanze. Potresti addirittura renderti conto che l’altra persona sente la stessa cosa e non ci sarà quindi alcun melodramma 😅. Ci si scrive sempre meno, si rifiutano gentilmente gli inviti... è una forma di rottura molto più tiepida. Nel mio caso, è andata così la maggior parte delle volte 🤕. I miei ex amici hanno capito che non eravamo più sulla stessa lunghezza d’onda.

Spiegati senza perdere il controllo

Prendere le distanze a poco a poco è semplice se non ti scontri con l’incomprensione altrui. In questo caso, non si può sfuggire al confronto verbale. Per il suo bene, non sarebbe giusto lasciarla nel limbo e fare ghosting. La rottura di un’amicizia senza spiegazioni la bocciamo! È bene spiegare le ragioni del nostro allontanamento sottolineando che qualcosa non va più. Inoltre, chiedere anche all’altro cosa ne pensa invita tutti a riflettere sulla situazione.

👉 Nell’ideale, prima di avere un confronto con l’altro, bisognerebbe essere sicuri di aver digerito le proprie emozioni per evitare che disturbino la comunicazione. Un’emozione troppo forte può portare a uno scontro 💥.

Evita le critiche

Una volta mi è capitato di chiudere con un’amica in maniera piuttosto burrascosa, ma ammetto che la colpa è mia, non mi sono comportata bene. Avevo accumulato molte cose non dette che sono poi esplose tutte insieme. In pratica è stato un concerto di critiche e accuse 😨... Usando la comunicazione non violenta sarebbe stato tutto più facile. Altrimenti si rischia di offendere l’ego di chi abbiamo davanti, ricevendo di conseguenza un contrattacco. Meglio fare prima un’analisi di ciò che sentiamo noi, anche nel caso di un tradimento da parte di un amico.

👉 Evita anche di precipitarti nel vomitare tutto quello che ti passa per la testa. Sii trasparente, ma pesa bene le parole.

Sii chiaro/a

In alcuni casi, l’altro non vuole a nessun costo lasciarci andare. Non è mai facile perdere un amico... A volte potresti ricrederti perché l’altro cambia completamente il suo comportamento... ma se non succede bisogna essere chiari. E quando dico chiari non intendo dire aggressivi nei confronti dell’altro 😳! Tutti abbiamo delle emozioni, procedi con cautela. Meglio ringraziare per tutto ciò che ha saputo trasmetterci di buono e per i bei ricordi insieme, ovviamente augurandole il meglio e, perché no, chiedendo scusa per essere arrivati a questo punto.

Tieni il positivo (per te)

Concludere un’amicizia non è mai facile e di certo non esiste un modo ideale per farlo... In ogni caso, dopo essere riusciti a metterlo nero su bianco, meglio concentrarsi solo sulle cose positive. Un amico ci permette di migliorarci e arricchirci. Alcune persone sono di passaggio nella nostra vita, altre sono permanenti. La cosa più importante è non portare rancore, anche se ci sono stati dei colpi bassi. Meglio lasciare il passato alle spalle, soprattutto le cose negative. Sarà ancora più facile farsi dei nuovi amici con uno spirito positivo 👍!


Il consiglio della redazione: una rottura dolorosa

La fine di un’amicizia è spesso dolorosa, sopratutto quando si sono condivisi tanti bei momenti insieme. In questo caso potrebbe sopraggiungere un senso di errore o tradimento. È importante imparare la lezione da questa esperienza e chiedersi: cosa rappresenta per me questa persona? Cosa mi apporta? Cosa mi piaceva di lei? Prenditi il tempo di capire cos’è una vera amicizia e tirarne le conclusioni. Se questa rottura è troppo difficile, non esitare a contattare uno psicologo, ti sarà di aiuto per attraversare questo momento.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Cos'è la sindrome di Puffetta al lavoro?

Ah, i Puffi! Tutti conoscono i fumetti di Peyo con i simpatici personaggi blu. Ma se ci pensi, c'è qualcosa di strano: il fatto che ci sia una sola Puffetta per un intero villaggio. Un autore l'ha notato più di 30 anni fa e l'ha usato per parlare della scarsa rappresentazione delle donne. Purtroppo il principio della puffetta può essere riscontrata in molti ambiti, compreso quello lavorativo. Ecco come funziona.

6 consigli per superare la propria timidezza

L'idea di parlare in pubblico, o di parlare con gli sconosciuti, mi mette fuori di me. Divento paonazzo, inizio a tremare, mi si forma un nodo nello stomaco. Odio essere timido, non riuscire a mostrarmi disinvolto, parlare lo stretto necessario e non trovare mai il momento giusto per intervenire. Ecco perché, lavorando su me stesso, ho trovato 6 semplici trucchi per superare e a volte nascondere la mia timidezza.

10 pensieri positivi da tenere a mente per una carica quotidiana

Vedere il bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto, è un pensiero positivo perfetto! I pensieri positivi ci aiutano nella vita di tutti i giorni, dandoci una spinta e motivandoci a realizzare progetti che ci stanno a cuore da tempo. Quindi, per aiutarti nel tuo percorso di realizzazione, ecco 10 pensieri da tenere a mente per accompagnarti sempre e ovunque!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!