Come mettere fine ad un'amicizia?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Se esiste qualcosa di più difficile da gestire rispetto alla fine di un amore... c’è di sicuro la fine di un’amicizia! Quando mi capita di sentirmi a disagio con una persona di cui ero amica non so mai come dire che vorrei tagliare i rapporti... Psicologicamente non è una passeggiata perché da un lato non voglio ferire nessuno, dall’altro non riesco più a fare finta di niente. Come sono arrivata a questo punto? Come chiudere i rapporti in maniera civile? Parliamone insieme!

 
 Sommario

I motivi della separazione

Spesso è la mancanza di comunicazione che porta alla rottura brutale e alla fine di un’amicizia 😣. Se poi aggiungiamo anche i malintesi, il gioco è fatto e la rottura in mille pezzi è servita. Stava per succedermi qualche anno fa con un’amica. Una terza persona si è intromessa tra noi due raccontando varie bugie e mettendoci l’una contro l’altra 😡. Fortunatamente, ce ne siamo rese conto grazie a una buona comunicazione e un’estrema trasparenza.

Se con lei sono riuscita a cavarmela, ci sono amicizie che ho preferito eliminare totalmente dalla mia vita per diverse ragioni 😖...

L’equilibrio dell’amicizia

Un’amicizia è un patto forte tra due persone che si capiscono e si rispettano 🤜🤛. Solo che a volte, con il passare del tempo, ci si rende conto che questo patto non riesce più a stare in piedi da solo... Questo porta necessariamente a una delusione, nei casi più estremi all’allontanamento, a seconda delle circostanze:

  • Quando l’amicizia si spezza: a volte succede che si arriva a un punto in cui non si condivide più lo stesso pensiero. Si possono avere opinioni o uno stile di vita diverso, ma se capita su tutto, si creerà inevitabilmente distanza.
  • Quando l’amicizia è a senso unico: tu sei sempre pronta per gli amici, quando sei tu ad aver bisogno di aiuto, li devi cercare con il binocolo. Come ho già detto, l’amicizia è un contratto in cui entrambi devono impegnarsi e metterci del proprio. La relazione deve essere equilibrata, altrimenti è un’amicizia tossica!
  • Quando la presenza di un amico pesa più della sua assenza: capita infatti di avere a che fare con persone tossiche. Alcune volte non ce ne rendiamo conto subito, altre volte la persona cambia con il passare del tempo. In ogni caso, se sei sollevata all’idea di non incontrare un’ “amica” è un brutto segno.
  • Quando i bisogni cambiano: tante cose cambiano con il passare del tempo e a volte per stare bene abbiamo bisogno di un vero e proprio stravolgimento. Ciò significa che è più che legittimo smettere di frequentare determinate persone con le quali non ci troviamo più.

Come rompere con un’amica?

Se dovesse capitarti uno di questi casi, la prima cosa da fare è prendere le distanze. Potresti addirittura renderti conto che l’altra persona sente la stessa cosa e non ci sarà quindi alcun melodramma 😅. Ci si scrive sempre meno, si rifiutano gentilmente gli inviti... è una forma di rottura molto più tiepida. Nel mio caso, è andata così la maggior parte delle volte 🤕. I miei ex amici hanno capito che non eravamo più sulla stessa lunghezza d’onda.

Spiegati senza perdere il controllo

Prendere le distanze a poco a poco è semplice se non ti scontri con l’incomprensione altrui. In questo caso, non si può sfuggire al confronto verbale. Per il suo bene, non sarebbe giusto lasciarla nel limbo e fare ghosting. La rottura di un’amicizia senza spiegazioni la bocciamo! È bene spiegare le ragioni del nostro allontanamento sottolineando che qualcosa non va più. Inoltre, chiedere anche all’altro cosa ne pensa invita tutti a riflettere sulla situazione.

👉 Nell’ideale, prima di avere un confronto con l’altro, bisognerebbe essere sicuri di aver digerito le proprie emozioni per evitare che disturbino la comunicazione. Un’emozione troppo forte può portare a uno scontro 💥.

Evita le critiche

Una volta mi è capitato di chiudere con un’amica in maniera piuttosto burrascosa, ma ammetto che la colpa è mia, non mi sono comportata bene. Avevo accumulato molte cose non dette che sono poi esplose tutte insieme. In pratica è stato un concerto di critiche e accuse 😨... Usando la comunicazione non violenta sarebbe stato tutto più facile. Altrimenti si rischia di offendere l’ego di chi abbiamo davanti, ricevendo di conseguenza un contrattacco. Meglio fare prima un’analisi di ciò che sentiamo noi, anche nel caso di un tradimento da parte di un amico.

👉 Evita anche di precipitarti nel vomitare tutto quello che ti passa per la testa. Sii trasparente, ma pesa bene le parole.

Sii chiaro/a

In alcuni casi, l’altro non vuole a nessun costo lasciarci andare. Non è mai facile perdere un amico... A volte potresti ricrederti perché l’altro cambia completamente il suo comportamento... ma se non succede bisogna essere chiari. E quando dico chiari non intendo dire aggressivi nei confronti dell’altro 😳! Tutti abbiamo delle emozioni, procedi con cautela. Meglio ringraziare per tutto ciò che ha saputo trasmetterci di buono e per i bei ricordi insieme, ovviamente augurandole il meglio e, perché no, chiedendo scusa per essere arrivati a questo punto.

Tieni il positivo (per te)

Concludere un’amicizia non è mai facile e di certo non esiste un modo ideale per farlo... In ogni caso, dopo essere riusciti a metterlo nero su bianco, meglio concentrarsi solo sulle cose positive. Un amico ci permette di migliorarci e arricchirci. Alcune persone sono di passaggio nella nostra vita, altre sono permanenti. La cosa più importante è non portare rancore, anche se ci sono stati dei colpi bassi. Meglio lasciare il passato alle spalle, soprattutto le cose negative. Sarà ancora più facile farsi dei nuovi amici con uno spirito positivo 👍!


Il consiglio della redazione: una rottura dolorosa

La fine di un’amicizia è spesso dolorosa, sopratutto quando si sono condivisi tanti bei momenti insieme. In questo caso potrebbe sopraggiungere un senso di errore o tradimento. È importante imparare la lezione da questa esperienza e chiedersi: cosa rappresenta per me questa persona? Cosa mi apporta? Cosa mi piaceva di lei? Prenditi il tempo di capire cos’è una vera amicizia e tirarne le conclusioni. Se questa rottura è troppo difficile, non esitare a contattare uno psicologo, ti sarà di aiuto per attraversare questo momento.


🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!