È possibile una vita senza abbracci e senza contatto fisico?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

È da ormai troppo tempo che viviamo a 1 metro e mezzo di distanza gli uni dagli altri, senza avere contatti fisici e senza poterci abbracciare. È dura non poter stringere tra le braccia le persone che amiamo. Ancor più che gli abbracci sono un’incredibile fonte di benessere. Vivere senza contatto fisico ha un influenza negativa sul nostro corpo e sulla nostra mente; dunque, come adattarsi alla distanza sociale che c’è stata imposta?

È possibile una vita senza abbracci e senza contatto fisico?


 
 Sommario

Il tatto, un senso fondamentale per la nostra salute mentale

Quanti giorni sono già passati senza che tu abbia dato un abbraccio a tua madre, tuo padre o la tua migliore amica? Correre il rischio di mettere in pericolo se stessi e gli altri è fuori discussione; dunque, rispettiamo le distanziazioni sociali. Ci si tocca le braccia, si sfiora la schiena, ma non è la stessa cosa. Infatti, gli abbracci apportano numerosi benefici: sono degli ottimi antistress e antidepressivi, liberano le ossitocine che ci fanno sentire bene e in più il nostro cervello li percepisce come se fossero una sorta di ricompensa. Gli abbracci aumentano la fiducia in noi stessi e ci danno gioia e allegria. Charlotte Jacquemot, ricercatrice presso il CNRS (Centro nazionale di ricerca scientifica di Parigi) presso il dipartimento di studi cognitivi, sottolinea che “il tatto è un senso fondamentale per la salute mentale e per la realizzazione di se stessi”. Una vita senza abbracci può dunque avere un impatto sulla nostra salute mentale?

La redazione di consiglia -  Prossemica e distanza: qual è quella giusta?


La pelle, un organo sensoriale

Quando qualcuno a cui vogliamo bene ci tocca o ci stringe tra le sue braccia (insomma, ci abbraccia), la nostra pelle funziona come un recettore che trasmette le informazioni al cervello; quest’ultimo, attiva il centro del piacere. Perdendo questo contatto, abbiamo perso il conforto che ne deriva, così come gli effetti che gli abbracci sembrano avere sul nostro sistema immunitario. Infatti, uno studio svolto da un gruppo di ricercatori americani dell’Università Carnegie Mellon di Pittsburgh, ha rilevato che, quando si viene abbracciati, si ha meno possibilità di contrarre virus invernali, di prendersi l’influenza o il raffreddore. L’abbraccio avrebbe dunque dei veri e propri benefici psicologici… tranne in questo periodo, dove invece rappresenta un pericolo.

Verso una società senza contatti?

Toccare gli altri, per noi esseri umani, è un gesto istintivo; più vogliamo bene a qualcuno e più abbiamo voglia di toccarlo. Anche se l’essere umano ha un grande spirito di adattamento, sembra impossibile fare a meno del contatto fisico. Basti guardare il saluto con il pugno, il colpetto di gomito o ancora, il saluto con i piedi. Abbiamo creato dei nuovi contatti, per quanto minimi possano essere, perché ne abbiamo visceralmente bisogno. Il contatto fisico è talmente necessario che arriviamo perfino a infrangere le regole sanitarie. Stiamo attenti ma poi la situazione ci sfugge di mano, perché il contatto è naturale. Ma oltre al fatto di toccarsi, ci manca molto anche il fatto di vivere insieme, condividere le nostre emozioni e le nostre sensazioni, ma anche andare al cinema con un’amica, mangiare insieme ai propri cari, etc.


Il parere della redazione - Non c’è vita senza abbracci

È sempre la stessa storia ; adesso che ci vengono vietati, ci rendiamo conto di quanto gli abbracci e il contatto fisico siano necessari. Quando la situazione diventa pericolosa, gli animali si uniscono in gruppo; oggi ci viene chiesto di fare il contrario, dato che il pericolo è tangibile e, contro ogni intuizione, non è lo sconosciuto che rischia di contagiarci, ma sono proprio i nostri cari, coloro a cui vogliamo bene. Anche se l’essere umano è capace di adattarsi molto velocemente, una vita senza contatto fisico è impossibile; dunque, per il momento, abbiamo inventato nuovi modi per toccarci, per non correre nessun rischio. Presto potremo di nuovo abbracciarci ma, nel frattempo, accontentiamoci di poter vedere i nostri cari e di scambiarci sguardi d’affetto: è già qualcosa!


Anche nella vita di coppia gli abbracci hanno un ruolo fondamentale, così come questi 10 consigli per una relazione di successo


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Come annunciare una brutta notizia al proprio capo?

Ci stai pensando da giorni, da settimane, ma non riesci a venirne a capo, non riesci a trovare un modo carino per dire che il progetto su cui stai lavorando avrà bisogno di più di due mesi di ritardo per essere completato. Ora non resta altro da fare che comunicarlo al tuo capo...

8 cose di cui mi infischio vivendo alla grande!

A volte mi capita di essere pigro/a e invece di mettermi le scarpe da ginnastica per andare a correre, rimango a casa al calduccio. Chi se ne frega se non ho un corpo perfetto? Lasciare la presa, non dare troppa importanza ai giudizi altrui e soprattutto essere se stessi, non c'è modo migliore per essere felici. Devo ammettere che, da quando non do più importanza al giudizio altrui, sto molto meglio. Ecco otto cose di cui ormai mi infischio altamente ma che hanno cambiato in meglio la mia vita. Provare per credere!

Perché l’horror ci affascina così tanto?

Serial killer, crimini sanguinosi e trame complicate di cui davvero non riusciamo a stancarci. L’horror e più in generale il terrore e la paura sembrano eccitare il nostro cervello tanto da darci la pelle d’oca. Anche se può metterci a disagio o farci stare male, molti di noi ne sono letteralmente ossessionati. Questo oscuro universo piace a tutti, anche ai più dolci e i più innocenti. Ma perché ha così tanta presa su di noi? Perché ciò che ci fa paura allo stesso tempo ci affascina? Scopriamolo insieme.

Amnesia traumatica: cos'è? Ha effetti su di me?

Hai mai avuto la sensazione di aver dimenticato parte della tua vita? Forse hai regolarmente dei vuoti di memoria? Se è così, potresti essere affetto da amnesia traumatica. L'amnesia traumatica è un vero e proprio meccanismo di protezione psicologica che intrappola le vittime in una sofferenza diffusa. Identificare i sintomi è fondamentale per prendere coscienza del problema e cercare aiuto. Ecco come fare.

Non riesco a meditare, come fare?

Niente da fare, per alcuni è impossibile meditare! I pensieri partono in quarta e concentrarsi diventa la cosa più difficile del mondo. A questo punto, meditare genera solo nervosismo e sembra quasi essere una perdita di tempo. Tuttavia, quando si prova a meditare è proprio perché si desidera imparare a mollare la presa e rilassarsi. La meditazione ha tantissimi benefici sia per il corpo che per la mente,quindi, come fare quando non si riesce a meditare? Ecco alcune soluzioni per riuscire in questa pratica dagli effetti estremamente positivi.

Solitudine positiva: perché ci piace stare da soli?

Alcuni la evitano come la peste, ma altri la amano tantissimo, perché non sentono di essere da soli ma piuttosto in compagnia di loro stessi, e questo non li spaventa. I momenti in solitudine sono un’ottima opportunità per prenderci cura di noi stessi, per fare ciò che vogliamo quando vogliamo. Per quanto i nostri cari possano essere i migliori del mondo, è bene godere dei momenti in cui ci si ritrova da soli con se stessi.

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!