Succhiare il pollice da grandi è grave?

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Solitamente i bambini smettono di succhiarsi il pollice intorno ai 6 anni. Dico “solitamente” e non “normalmente” perché l’adulta che sono diventata ti assicuro che non è né strana né disturbata. In caso di stress, mi concedo di ripiombare nell’infanzia succhiandomi il pollice. Chi lo sa o chi mi vede farlo mi lascia intendere che è qualcosa di cui dovrei vergognarmi... Ma questa mania è davvero grave? Se mi piace devo farmene una colpa? Non è di certo peggio che fumare o mangiarsi le unghie...

 Sommario

Succhiare il pollice da grandi è grave?

Cosa pensare di questa mania? Quali sono le cause, come si manifesta? C'è da preoccuparsi?

Succhiarsi il pollice per rassicurarsi

Nessuno ride vedendo un bambino separato da sua madre o che è stato ignorato mentre piangeva perché non si voleva cedere ai suoi capricci. I bambini possono esprimersi solo tramite il pianto, ma vedendo che l’effetto su chi ci circonda è totalmente nullo, si affidano al pollice per rassicurarsi e trovare il conforto di cui hanno bisogno.

➡ 🤗 Malgrado ciò che gli altri possano pensare, si tratta semplicemente di un rituale riconfortante, calmante e rassicurante, di una piccola coccola che facciamo per proteggerci. Certe persone si mangiano le unghie o si arricciano in capelli. Altri si succhiano il pollice. Ognuno ha il proprio rituale, questo è meno comune e più infantile, ecco perché è mal visto dalla società. Eppure l’obiettivo è lo stesso: placare l’ansia.

Ragazza che si succhia il pollice della mano

Succhiare il pollice, un’azione riconfortante e calmante in caso di troppo stress.

Non c’è niente di male a tornare bambini

Si dice spesso che i bambini tra loro sono crudeli, ma gli adulti spesso non sono da meno. Passata una certa età, succhiare il pollice è percepito come una pratica imbarazzante, che suscita risatine e prese in giro. Questo gesto ci fa sembrare bambini e rimanda quindi l’immagine di una persona fragile, vulnerabile, che tende a ripiegarsi su se stessa.

Eppure non c’è niente di male a tornare bambini e rifugiarsi in una vecchia coccola. Giusto il tempo necessario per rilassarsi e rassicurarsi. Chi non ama di tanto in tanto riguardare un cartone Disney sotto la copertina scagli la prima pietra! Psichiatri e psicanalisti ricordano che a volte è bene lasciare la presa, concedersi un po’ di spensieratezza. Almeno finché i mezzi utilizzati per combattere lo stress sono benigni. Attenzione comunque a non cadere nella sindrome di Peter Pan, la sindrome che ti blocca in un mondo infantile.

Alla fine questa mania non è poi così grave

Quando ci si sofferma sull’argomento, succhiarsi il pollice è una dipendenza più sana ed economica della sigaretta. E non fa ingrassare a differenza di chi rigetta lo stress sul cibo! Non si tratta quindi di una mania nociva né di un atto grave! Il problema viene dal fatto che succhiarsi il pollice in pubblico è considerato imbarazzante. Il celebre psicanalista Sigmund Freud, come la maggior parte delle persone, indica che “si tratta prima di tutto di un atto di esibizione autoerotica, da cui l’imbarazzo delle persone circostanti che sorprendono questa intimità”. Se cerco di ribaltare la situazione?

🧠 Penso in primo luogo al mio benessere, se una cosa mi rilassa non me ne privo per prese in giro ancora più puerili dell’azione in sé. Non esito a dirmi (o a dire agli altri) che sono loro a pensare male!

peur du regard des autres

Combatti la blemmofobia, la paura dello sguardo altrui!


Il consiglio dello psicologo: il vero problema è un altro

Se vuoi mettere fine a questa mania ci sono delle terapie corporali che possono aiutarti a liberare l’eccesso di emozioni. La sofrologia, il reiki o la meditazione consapevole ne sono un esempio. Esistono anche soluzioni come mettere un cerotto sul dito o uno smalto con un sapore sgradevole. Bisogna tenere a mente che ci si succhia il pollice quando ci si sente vulnerabili e quando si cerca quindi di lottare contro lo stress o proteggersi. La cosa fondamentale è capire da cosa. 🤔 Per liberarsi di questa abitudine si dovrà quindi trattare il problema più a fondo e tentare di determinare l’origine dello stress o del malessere. Secondo gli psicologi, i pazienti che chiedono un consulto per questo motivo sono rari. “Chiedono di vederci per un contesto più globale, succhiarsi il pollice è solo un sintomo...”, affermano. 👉 Il vero problema è quindi più profondo e potrebbe essere trattato per non subire più questi sintomi... E lasciare il proprio pollice in santa pace! Non esitare a prendere appuntamento con uno psicologo se senti il bisogno di parlarne!

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Fonte: https://spiegato.com

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!