L’autunno è appena arrivato e ti senti già stanco? Ecco 6 consigli che fanno al caso tuo!

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Pensare che solo qualche settimana fa sfoggiavamo i nostri più bei costumi da bagno, mangiavamo gelati e cocomero fresco e soprattutto prendevamo il sole, in spiaggia, in strada o addirittura anche attraverso i riflessi di una finestra. Ma come ogni anno, l'estate, il sole e gli infradito hanno lasciato spazio all'autunno e a questa perenne malinconia che lo accompagna. Cielo grigiastro, pioggia incessante, freddo insopportabile e per di più l’inevitabile cambio dell’ora, non manca proprio nessuno all’appello… Ah no, quasi dimenticavo! Il senso di stanchezza è l’altro protagonista indiscusso di questo periodo dell’anno. Scopri come alleviarlo con i nostri 6 consigli.

Sommario : 

Diciamo stop all’accoppiata (perdente) autunno-stanchezza

Ma dov'è finita tutta l’energia positiva dell'estate? Dimenticata, nascosta dietro il cielo grigio, il ritmo sfrenato e lo stress della ripresa delle attività scolastiche. In ogni caso, non rassegnarti, la stanchezza autunnale riguarda tutti, ma non è di certo una tragedia!

Senti che la tua energia si sta esaurendo? Rallenta il tuo ritmo quotidiano

In questo momento, la sveglia suona troppo presto, e per di più fuori è ancora notte, devi ricacciare il maglione e probabilmente non hai la possibilità di recuperare, e salvare, il rapporto con le tue lenzuola prima della sera. Invece di prendertela con te stesso, di sentirti in colpa o di negare l'evidenza, ascolta il tuo corpo. Facile a dirsi quando non puoi goderti i benefici del pisolino al lavoro, questo è poco ma sicuro! Esistono tuttavia alcuni piccoli accorgimenti che potrebbero aiutarti a tenere duro, a non avere colpi di sonno o a non ammalarti prima dell'arrivo dell'inverno!

6 consigli per essere in forma questo autunno

1) Copriti per bene ed usa vestiti comodi

In autunno è molto più facile trovare un look che sia allo stesso tempo elegante, appropriato e confortevole. Il tuo corpo ha bisogno di riposo quindi di tanto in tanto è bene offrirsi una pausa dalle convenzioni imposte dalla moda: lascia a casa i tacchi, la cinta che ti pressa l’addome, il reggiseno che ti toglie il respiro.

2) Dormi quando ne hai bisogno

E se non riesci a dormire durante il giorno, non restare sveglio per troppo tempo la sera. Vai a letto presto, anche se ti sdrai solo per leggere un libro o guardare un film. In alternativa, fai una doccia calda o un bagno rilassante con dell’olio di mandorle o della calendula.

3) Mangia sano

Puoi aumentare la tua energia aggiungendo un po' più di vitamina C (kiwi, limone, pompelmo, arancia) e magnesio (banana, spinaci, mandorle, noci) alla tua alimentazione. E per quanto riguarda le bevande calde, concediti dei piccoli piaceri e momenti autunnali: cioccolata calda (alla zucca), cappuccino, tisane e infusi sono il toccasana di cui hai bisogno. Limita, per quanto possibile, il consumo eccessivo di caffeina. Se hai un calo di energia alla fine della mattina o nel pomeriggio, bevi piuttosto acqua (la stanchezza è uno dei primi segni della disidratazione).

4) Impara l’arte della respirazione

I piccoli colpi di stanchezza autunnali dipendono anche dallo stress accumulato precedentemente che riemerge con più o meno intensità. È un buon momento difatti per imparare a mollare la presa, ma non è sempre così facile. Quindi, per calmare i periodi di agitazione, di ansia o per allontanare i pensieri negativi, espirare a fondo permette di riequilibrare le emozioni. Seduto/a o in piedi, metti la mano sulla pancia, inspira ed espira allungando il più possibile l'espirazione (5, 6, 7 o anche 8 secondi). Di solito, sono sufficienti dai 10 ai 20 respiri per rilassarsi e ritrovare il bandolo della matassa.

5) Metti ordine e seleziona il necessario

Proprio come la primavera, l'autunno è un periodo di transizione propizio al cambiamento. Non sempre ce ne rendiamo conto, ma certe cose, certi oggetti, certe abitudini ci appesantiscono, ci prendono tempo e spazio e ci impediscono di rilassarci. Per esempio, avevo due cesti pieni di biancheria pulita, messi nella mia stanza. Sebbene li vedessi ogni giorno, non riuscivo a trovare la forza e il coraggio di smistarli, piegarli e riordinarli. Così, ne ho approfittato un fine settimana: oltre a sistemare il bucato, ho fatto il cambio stagione del mio armadio, selezionando accuratamente quali capi tenere e quali scartare. Vedere quell’angolo della mia stanza finalmente libero mi ha tolto quella sensazione di essere sopraffatto/a e stanco/a.

6) Goditi l'autunno

Purtroppo, con la fatica e il freddo si tende a dimenticarlo a volte, ma l'autunno è una bella stagione ideale per farsi le coccole. Se ti stressi spesso ed hai bisogno di una pausa lontano da tutto e da tutti, dai vita al tuo piccolo angolo hygge! Un angolo accogliente rivestito di cuscini, un plaid molto morbido, candele con profumi autunnali, tipo legno di sandalo, latte caldo, cotone, spezie... E prenditi il tempo di fare una pausa. Altrimenti, per ritrovare l'energia e dormire meglio la notte, perché non concedersi una buona passeggiata in un luogo ameno e naturale per approfittare dei bei colori della stagione? Lo stupore aumenta la produzione di serotonina, l'ormone della felicità. L'attività fisica può anche risultare salutare in questi casi visto che riduce il livello di cortisolo e migliora la tua coerenza cardiaca.


Il consiglio della redazione - Coltiva i piaceri autunnali senza sentirti in colpa

L'estate è finita, ma non significa che devi riporre tutte le tue energie sul lavoro. Coccolati, prenditi il tempo di ascoltarti, concediti degli strappi alla regola, non passare tutte le serate tra amici se non ne hai voglia e vai a letto presto se ti va. Uniche raccomandazioni: sii attivo/a e sempre in movimento. Non essere troppo sedentario/a e non isolarti pur di rimanere al caldo. Continua a praticare il tuo sport e, anche se non hai il pollice verde, datti al giardinaggio oppure fatti una passeggiata, metti in ordine la casa... non importa cosa tu faccia, l’importante è essere in movimento e non fermarsi mai!


Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Emetofobia: quando la paura di vomitare nasconde altri problemi...

Di paure strane ne ho accumulate tante nel corso degli anni però la paura di vomitare vince a mani basse. Si chiama emetofobia e mi ha letteralmente traumatizzato. Spesso presa sotto gamba o addirittura ridicolizzata, la paura di vomitare è in realtà una delle fobie più diffuse al mondo! Non è una paura strana o solo passeggera. In realtà, nasconde qualcosa di più profondo. Scopriamolo insieme.

Fame emotiva: perché mangio per far fronte alle mie emozioni?

C’è un problema? E io mangio! L’ho sempre fatto, mangiare quando sentivo un’emozione troppo forte. È vero che, personalmente, soffro di disturbi alimentari, e ho quindi l’impressione di gestire i miei problemi attraverso il cibo. Ultimamente, sono stata seguita da uno psicologo nutrizionista, che mi ha fatto capire il perché di questo tipo di comportamento alimentare. Questa infatti si chiama fame emotiva o fame nervosa. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos'è la dissonanza cognitiva?

“Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”… ed è anche peggio quando si tratta di se stessi! Purtroppo conosco bene l’argomento poiché mi capita di avere un determinato pensiero e di agire poi facendo il suo esatto contrario. Questa è la caratteristica principale della dissonanza cognitiva, ma perché non ce ne rendiamo conto? Come funziona questa dissonanza? Come sbarazzarsene? Sono tutte domande lecite!

Come smettere di mangiarsi le unghie? La lotta contro l’onicofagia

È da anni che mi mangio le unghie. Non saprei dire esattamente quando ho cominciato, ma mi sembra di farlo da sempre. In classe perché mi annoiavo, durante un esame perché ero stressata, in ufficio perché mi aiuta a concentrarmi. Sono un’adulta, e quest'abitudine (della quale pensavo mi sarei liberata dopo l’adolescenza) continua a perseguitarmi. Ma è davvero una semplice abitudine? O piuttosto un disturbo ossessivo compulsivo, una dipendenza…

Paura del silenzio: perché ci rende così ansiosi?

Ah, il silenzio... Che sia durante una conversazione o a casa, devo ammettere che non mi piace molto. Nella prima situazione mi sento estremamente in imbarazzo e nella seconda il silenzio diventa "assordante" e provoca ansia. Da dove nasce questa situazione? Perché dovrei accettare un po' di più il silenzio? E come possiamo farlo? Nella nostra società rumorosa, è giunto il momento di riconnetterci con il silenzio, di abbracciarlo e di smettere di avere paura.

Perché non riesco a scusarmi?

"Mi dispiace", "Scusami", sono frasi che, nonostante gli sforzi, non escono mai dalla tua bocca. Anche quando le scuse potrebbero risolvere tutti i problemi, non riesci proprio a farcela. Ma perché è così complicato? Come superare questo blocco? Vediamolo!

Non ho amici: come fare se non si hanno amici?

Non che passi tutto il giorno da solo/a, nel mio angolo, senza dire una parola. Ho quelle due o tre persone da chiamare se voglio uscire a bere qualcosa, ma non ho amici. Nessuna "seconda famiglia", come si suol dire. Si tratta di una scelta volontaria? È solo a causa del mio brutto carattere che respingo tutti quelli che mi si avvicinano? Oppure è semplicemente la vita, che ci allontana da alcune persone quando cresciamo? Non ho amici, è davvero così grave?

Cos'è la sindrome di Puffetta al lavoro?

Ah, i Puffi! Tutti conoscono i fumetti di Peyo con i simpatici personaggi blu. Ma se ci pensi, c'è qualcosa di strano: il fatto che ci sia una sola Puffetta per un intero villaggio. Un autore l'ha notato più di 30 anni fa e l'ha usato per parlare della scarsa rappresentazione delle donne. Purtroppo il principio della puffetta può essere riscontrata in molti ambiti, compreso quello lavorativo. Ecco come funziona.

6 consigli per superare la propria timidezza

L'idea di parlare in pubblico, o di parlare con gli sconosciuti, mi mette fuori di me. Divento paonazzo, inizio a tremare, mi si forma un nodo nello stomaco. Odio essere timido, non riuscire a mostrarmi disinvolto, parlare lo stretto necessario e non trovare mai il momento giusto per intervenire. Ecco perché, lavorando su me stesso, ho trovato 6 semplici trucchi per superare e a volte nascondere la mia timidezza.

10 pensieri positivi da tenere a mente per una carica quotidiana

Vedere il bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto, è un pensiero positivo perfetto! I pensieri positivi ci aiutano nella vita di tutti i giorni, dandoci una spinta e motivandoci a realizzare progetti che ci stanno a cuore da tempo. Quindi, per aiutarti nel tuo percorso di realizzazione, ecco 10 pensieri da tenere a mente per accompagnarti sempre e ovunque!

Wengood è anche musica...

Rilassati e ritrova la serenità 😌

Wengood Italia

  1. BerlinRY X
    2:54
  2. 13th of JanuaryPatricia Lalor
    3:00
  3. ExperienceLudovico Einaudi
    5:15
  4. Nuvole BiancheLudovico Einaudi
    5:57
  5. Una MattinaLudovico Einaudi
    3:23
  6. I GiorniLudovico Einaudi
    6:50
  7. PrimaveraLudovico Einaudi
    7:22
  8. Alone Again (Naturally)Gilbert O'Sullivan
    3:36
  9. Skinny LoveBon Iver
    3:58
  10. FlumeBon Iver
    3:39
  11. re:stacksBon Iver
    6:41
  12. Hey, MaBon Iver
    3:36
  13. Back To LifeGiovanni Allevi
    4:38
  14. Secret LoveGiovanni Allevi
    4:32
  15. Come sei veramenteGiovanni Allevi
    6:04
  16. FlowersGiovanni Allevi
    2:59

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!

Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!