Lo zucchero di cocco, meglio del classico zucchero per la nostra salute?

Aggiornato il da Giada Paoli

Ho scoperto lo zucchero di cocco a casa di un’amica. Stavo cercando lo zucchero per il caffè quando mi ha spiegato che ormai non compra più zucchero classico ma solo zucchero di cocco. Sono rimasta sorpresa, non avendone mai sentito parlare, ma mi ha spiegato che è migliore dello zucchero bianco. È vero? Quali sono i suoi benefici? Scopriamoli insieme.

Lo zucchero di cocco, meglio del classico zucchero per la nostra salute?

Cos’è lo zucchero di cocco?

Sono un’amante del cocco, ma non avevo mai sentito parlare del suo zucchero 🥥 Proviene dal fiore dell’albero di cocco e somiglia allo zucchero di canna. È prodotto principalmente in Indonesia, nelle Filippine e nell’America del Sud. Da questo punto di vista, un punto in meno perché, venendo da lontano, aumenta l’impronta di carbonio 😬.  Dall’altro canto però è considerato più “sostenibile” dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura della Banca Mondiale (FAO). Effettivamente, l’albero di cocco ha bisogno di molte meno risorse rispetto alla canna da zucchero! Quindi pareggio! Dal punto di vista nutrizionale e della salute? Cosa è meglio 🤔?

Lo zucchero di cocco è calorico?

Te lo dico subito, lo zucchero di cocco è calorico! Non bisogna sperare che sia un equivalente sano dell’aspartame e di altri edulcoranti😅.  Tra l’altro, questi ultimi sono da evitare poiché possono aumentare i rischi di cancro. Lo zucchero di cocco apporta più o meno la stessa quantità calorica dello zucchero raffinato e lo zucchero integrale. Contiene nutrimenti che hanno un “costo” metabolico. Dopotutto, resta sempre zucchero!

È importante disfarsi dell’ossessione di dimagrire e di voler evitare ad ogni costo il consumo di zucchero. Non bisogna consumarne troppo (come per tutte le cose), come ci insegna l’alimentazione intuitiva. Ma se lo zucchero di cocco non è utile a coloro che vogliono perdere peso, è davvero diverso dallo zucchero raffinato?

Quali sono i vantaggi dello zucchero di cocco?

Lo zucchero di cocco ha un indice glicemico più basso rispetto allo zucchero bianco (35 vs 70 per lo zucchero raffinato), ma non bisogna confonderlo con i glucidi. Ecco perché è altrettanto calorico che tutti gli altri tipi di zuccheri. Però, contrariamente agli altri, non fornisce calorie “vuote”, ovvero quelle che non hanno nessun apporto interessante per il nostro corpo🍬!

Tutto al contrario dello zucchero di cocco, che contiene vitamine e minerali, in particolare polifenoli e potassio. Ci sarà un vero “guadagno” per il nostro corpo, che beneficerà di nutrimenti essenziali al suo funzionamento. Contiene anche una forma di prebiotici, nota come inulina, ottima per la flora intestinale e che riduce i problemi di stitichezza. Ecco perché la mia amica diceva che questo zucchero è migliore per la digestione 😬!

Lo zucchero di cocco è buono per i diabetici?

Come ho già detto, lo zucchero di cocco ha un impatto basso sulla glicemia, valore che devono costantemente tenere sotto controllo le persone diabetiche. Di conseguenza, permetterà di controllare meglio il tasso di glucosio nel sangue. Ovviamente, bisogna comunque limitarne il consumo, ma è comunque una buona alternativa per cucinare senza far aumentare la glicemia. 

Il fatto che abbia un debole indice glicemico ha un altro vantaggio per diabetici e non: permette di limitare i bruschi cali di zucchero nel sangue, ovvero quello che comunemente chiamiamo ipoglicemia 👏. Quindi nel complesso mi sembra un’ottima alternativa, soprattutto se teniamo a mente che resta comunque uno zucchero 🤗!


Il consiglio della redazione: dei vantaggi, ma non la soluzione a tutto

 
Lo zucchero di cocco è più sano rispetto allo zucchero raffinato e questa è già una grande cosa! Ma ricorda che cercare uno zucchero non calorico non ha senso perché non esiste! È importante non demonizzare lo zucchero, ma avere una relazione sana che favorirà un consumo regolato. Se sei preoccupata per la tua alimentazione e per il peso, potrebbe essere il segno che soffri di disturbi alimentari. Non esitare a parlarne con un professionista della salute mentale.

🤗 Capirsi, accettarsi, essere felici... Qui e ora! 
#BornToBeMe

Contatta uno psicologo



Fonti: healthdesk.it / acea.it / greenme.it 

Articolo suggerito da Giada Paoli

Il mio sogno è vivere sognando ad occhi aperti, amando infinitamente e sentirmi libera di essere ciò che desidero.

Gli articoli appena pubblicati

Dipendenza affettiva

Sicuramente hai già sentito parlare della dipendenza affettiva. Pensi di esserne affetta o che un tuo caro lo sia? Come distinguere l’amore e la dipendenza affettiva? Come uscirne? Scopriamolo insieme!

Come annunciare l’arrivo di un secondo figlio al primogenito?

L’avventura ricomincia! Ci siamo, avete deciso di ingrandire la famiglia, che bello! Non hai neanche il tempo di metabolizzare la notizia che subito insorgono diverse emozioni come la felicità, l’eccitazione, l’apprensione, il senso di colpa. Come reagirà il primogenito? È una domanda da porsi, perché spesso un semplice “arriverà un fratellino o una sorellina” non basta. Non è così facile, ma una cosa è certa: l’amore si moltiplica! Ora devi solo rendere chiaro il messaggio!

“Cosa fai nella vita?”, "Faccio del mio meglio!"

Bastano pochi minuti di conversazione con uno sconosciuto che subito viene posta la fatidica domanda: "Cosa fai nella vita?". Questa domanda ti innervosisce? Non hai voglia di sentirti definita dal tuo mestiere o dal tuo posto nella società? Siamo tutti sulla stessa barca!

Perché ho costantemente bisogno di attenzioni?

Anche tu hai la spiacevole tendenza a fare di tutto un dramma affinché gli altri si prendano cura di te? Non smetti mai di pretendere la loro attenzione, a qualunque costo? Se la risposta è si, fai sicuramente parte di quelle persone che vivono per attirare l’attenzione degli altri. A lavoro, tra amici o sui social, devi sempre essere il centro dell’universo. E nonostante questo comportamento eccessivo spesso e volentieri non ti faccia star bene, è più forte di te! Ma da cosa deriva? Come porvi rimedio prima che sia troppo tardi?

Vorrei che i miei genitori fossero fieri di me, perché ho così tanto bisogno della loro approvazione?

Ho più di 30 anni ma provo sempre la stessa felicità nell’annunciare un mio successo a mio padre. So che mi rende felice farlo, soprattutto da quando la mamma ci ha lasciati. Però, allo stesso tempo, mi chiedo sempre: perché ho bisogno di sapere che mio padre è fiero di me? Perché, in generale, abbiamo bisogno dell’approvazione dei nostri genitori? Renderli felici è una cosa, ma è bene farsi delle domande se la loro approvazione occupa un posto troppo importante nella nostra vita.

Essere proattivi: cosa vuol dire? Come diventarlo?

A volte mi sembra di essere totalmente proattivo, altre volte molto meno. So che è un comportamento che può apportarmi molto, soprattutto in ambito professionale. Ma cosa significa esattamente essere proattivi? Perché è un bene esserlo dal punto di vista professionale? Scopriamolo insieme!

Sono una persona tossica? 10 modi per scoprirlo

In amore, in amicizia, sul lavoro, in famiglia… Credo che tutte prima o poi abbiamo avuto a che fare con una persona tossica. Ma a volte dovremmo porci a nostra volta la domanda: “sono una persona tossica?” o lo sono stata in qualche occasione con qualcuno? A volte capita di non rendersi conto del proprio comportamento! Ecco perché è importante fare un passo indietro in certe situazioni e farsi delle domande in modo tale da auto esaminarsi ed essere sempre la migliore versione di noi stessi. Solo per te un piccolo test per sapere se sei una persona tossica o no!

Positivià tossica: mi impongo di stare bene... e non va bene!

L’ottimismo è una bella cosa. “Andrà tutto bene”, “sii forte”, “tutto tornerà alla normalità”. Te lo sei detto e ridetto e te lo hanno ripetuto anche gli altri, ma se da un lato questa attitudine positiva è una cosa buona, dall’altro alle volte può diventare tossica. Quando ci impediamo ad ogni costo di stare male, la mente rischia di soffrirne profondamente.

Ho dei dubbi sulla mia relazione, è normale? Come reagire?

Succede spesso. La vita di coppia e l'amore non sono mai una passeggiata: succede, naturalmente, che alle volte sorgano dei dubbi. Non essere più sulla stessa lunghezza d'onda, avere l'impressione che l'erba sia più verde altrove, avere progetti diversi...Travolto dal peso dei dubbi, l'amore perde il suo splendore. È una situazione irrimediabile? No, l'importante è sapere come reagire.

La mia relazione non mi rende felice, come fare?

La magia dell’inizio di una relazione e le farfalle nello stomaco sono volate via. Stare insieme significa avere un partner per la vita, qualcuno che ti sta accanto, ma alle volte ci si sente infelici e incomprese. Quando la tua metà ti fa più piangere che ridere, è assolutamente legittimo mettere in dubbio la relazione stessa. Ma prima di lasciar perdere del tutto, sappi che esistono delle soluzioni. Non sono felice nella mia relazione, come fare? Vediamolo insieme.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!