Come rimorchiare un uomo nel 2020? Prendi dei rischi e fai il primo passo

Aggiornato il da La Redazione Wengood

Ai giorni nostri, rimorchiare un uomo non ha nulla di eclatante, ma ciò non vuol dire neanche che sia palese. Ti è mai successo di lanciare delle occhiate calienti al tuo colpo di fulmine, che invece si è chinato davanti a te con l’intento di aiutarti nella ricerca delle lenti a contatto? Non preoccuparti, questo sarà il tuo ultimo fallimento. Meno smancerie e più audacia con i nostri 4 consigli per rimorchiare un uomo.

Sommario : 

Noi donne rivestiamo da sempre un ruolo passivo che spesso ci impedisce di fare il primo passo. Ma per essere delle donne al passo con i tempi, sicure di sé, intraprendenti e padroni delle proprie voglie, bisogna prendere dei rischi.

Rimorchiare nel 2020: prendi in mano le redini della tua vita sentimentale con i nostri 4 consigli

1) Sii sicura di te (ma neanche troppo)

Quando notiamo un uomo che ci piace, è molto difficile che prendiamo iniziative e cerchiamo di rimorchiarlo senza mezzi giri di parole. In effetti, dichiarare apertamente a qualcuno che vorremmo rivederlo, che ci ha colpito al primo sguardo, significherebbe mettersi a nudo e ciò ci spaventa. Ma, in caso di rifiuto, sebbene la tua autostima ne possa risentire un po’ in un primo momento, ti riprenderai subito e potrai essere fiera di aver preso dei rischi facendo il primo passo. D’altro canto, non essere neanche troppo sicura di te. Nella dura arte della seduzione, non vi è cosa peggiore di dare l’impressione di avere l’altro in tasca.

La redazione ti consiglia: Scopri i 5 linguaggi dell'amore 

2) Sonda il terreno

Prima di dichiarare al tuo colpo di fulmine che ti piace e che vuoi rivederlo, gioca d’anticipo: ciò ti eviterà degli spiacevoli inconvenienti e ti permetterà di rilassarti. Sostieni gli sguardi, sorridi, flirta, abbi tatto, sii breve e coincisa, cerca di creare un primo contatto. Il seguito risulterà più semplice se hai la sensazione di essere sulla sua stessa lunghezza d’onda ed inoltre potrebbe risultare un approccio più dolce se vuoi rimorchiare un uomo timido.

3) Sii te stessa e resta naturale

La seduzione non equivale a diventare una femme fatale o l’essere desiderato di ogni uomo. La spontaneità e la naturalezza sono una formula vincente ed è così che sarai più sicura di te. Se fingi sarà sicuramente meno semplice conquistare un uomo.

4) Anima la conversazione

Questo è sicuramente la cosa più difficile da fare quando vuoi sedurre un uomo. Se rimorchiamo per sms o su internet bisogna evitare di essere troppo evasive e se si è in sua presenza non cercare di riempire i silenzi imbarazzanti con delle interminabili e sterili conversazioni. Dimostra di essere una ragazza brillante e intelligente. Evita delle risposte troppo striminzite del tipo “già” o troppo generiche “tu cosa fai nella vita?”, ma parla piuttosto delle tue passioni, del tuo ultimo viaggio e dopo aver parlato di te, interpella il tuo interlocutore con un semplice ma molto efficace “e tu?” e vedrai che la conversazione avanzerà naturalmente.


Il consiglio della redazione – Sono forte, so incassare i due di picche

Spesso esitiamo a rimorchiare perché abbiamo paura di essere rifiutati. Fa male, molto male, ed è per questo che evitiamo di fare il primo passo. D’altro canto, è un peccato visto che evitare di prendere dei rischi non risolverà i tuoi problemi sentimentali. Nella vita non possiamo piacere a tutti, purtroppo è così! Attenzione, non vuol dire che sei tu il problema, si tratta semplicemente di un interesse non corrisposto. Per questo mostrati intraprendente, hai tutto da guadagnare!

Articolo suggerito da La Redazione Wengood

Gli articoli appena pubblicati

Il super-io, incontro con il nostro giudice interiore

Anche se non sei esperta di psicanalisi, se c’è un nome che tutti conoscono, è quello si Freud. Nel 1923, Freud pubblica L’Io e l’Es. Nella sua opera, definisce e sviluppa il concetto del super-io in parallelo all’Io e l’Es. Il super-io sarebbe la nostra coscienza morale. Approfondiamo l’argomento insieme.

Yoga e meditazione a servizio della depressione

Senza trattamento, più della metà delle persone che hanno subito un episodio depressivo, ne vivranno sicuramente un altro nel corso della loro vita. Ecco perché si tende subito a prescrivere antidepressivi. Ma cosa fare per i pazienti che non tollerano la terapia farmaceutica o che preferirebbero una soluzione più naturale? Lo yoga e la meditazione possono essere una soluzione.

Il complesso di superiorità o l’illusione della superiorità, cosa

Sembra che non le piaccia nessuno quanto le piace se stessa. Parla spesso di lei, e sempre con grandi complimenti, ti prende in giro, cerca di sovrastare gli altri, sembra disprezzare tutto e ha un forte problema di autostima. Benvenuta nel paradosso del complesso di superiorità, che nasconde nel 90% un complesso di inferiorità!

Lo scambismo, la pratica che infiamma…

Se ti dico “scambismo”, a cosa pensi? Incontri sordidi in discoteche in cui si accede solo se mascherati e in accappatoio? Nel mio caso la serie YOU mi ha permesso di vedere lo scambismo sotto un altro punto di vista (lato omicida a parte), e ne sono felice perché questa pratica coinvolge sempre di più le nuove generazioni, è molto più sexy di quanto pensassi e potrebbe anche aiutarti a riaccendere il desiderio! Pronta a scambiare?

Senso di ingiustizia, come nasce e come gestirlo?

La vita è ingiusta! Chi non ha mai avuto la sensazione di subire un’ingiustizia e non ha mai pensato che la vita sia difficile? Io sì! Mi piacerebbe che tutto andasse liscio come l’olio ma spesso rimango delusa. Diventa difficile gestire la frustrazione, la rabbia, l’impotenza e il senso di ingiustizia. Come superarli? Cosa significa avere sempre questo senso di ingiustizia e come sopportarlo?

Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività, di cosa si tratta?

Difficoltà nel concentrarsi, di stare immobile o di controllare le proprie pulsioni. Ecco alcuni segni del disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività. Più comunemente noto come ADHD, se ne parla tanto per bambini e adolescenti, ma può toccare anche gli adulti. Le conseguenze di questo disturbo dell’attenzione si ritrovano nella vita quotidiana, sociale, familiare, scolastica o professionale. Ecco perché è importante sapere se ci tocca da vicino, a noi in prima persona o magari a nostro figlio.

Perché mi vedono come una bambina in famiglia? Sono stanca dell’infantilizzazione!

A breve faccio 32 anni ma in famiglia mi trattano tutti come una bambina. Mi infantilizzano criticando le mie scelte, dalle più importanti a quelle più futili… E come se non bastasse mi dicono cosa fare, senza che nessuno gli abbia chiesto niente. Mi considero ormai abbastanza grande per poter fare le mie scelte e comportarmi come meglio credo! Perché mi trattano così? Come uscire dal meccanismo di infantilizzazione dei genitori o, peggio, dei suoceri? Scopriamolo insieme.

Perché non riesco a fare un passo indietro?

Fare un passo indietro, relativizzare, lasciare la presa, tutte cose che ci farebbero bene ma che non sono sempre semplici. Il capo ti rimprovera, arrivi in ritardo all’asilo sotto lo sguardo rabbioso della direttrice, la casa è sommersa di cose da lavare ma il partner sembra non averci fatto caso. Basta, chiedo il divorzio! O forse… imparo a fare un passo indietro e farmi le domande giuste per prendere le decisioni giuste!

Sono triste, ed è una buona notizia! (Hai capito bene!)

“Sono triste”. È una frase che pronuncio a bassa voce, tutti i mesi. Suscettibilità, stanchezza, sensibilità o malinconia, in ogni caso è da un bel po’ che cerco di evitare questo senso di tristezza. Al contrario, la tristezza è un’ottima consigliera!

Dispnea: come affrontare l’affanno?

Ti è mai capitato di avere difficoltà a respirare? Affanno, respiro pesante, fiato corto, impossibilità di fare respiri profondi anche se non soffri d’asma o di altre patologie? Questi sono i tipici sintomi della dispnea, chiamata anche fame d’aria. Se si verificano dopo o durante uno sforzo fisico è del tutto normale, ma se succede senza alcun apparente pretesto, allora potrebbe nascondere una patologia più seria. Scopriamo cos’è la dispnea e come combatterla.

Wengood è anche musica...

Gaslighting: l'arte ignobile di manipolare la mente


"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso."


Confucio


Come superare un tradimento? 5 passi fondamentali!